Di Maio: “Non c’è piano B. Ci aspettavamo bocciatura manovra, ma questa Ue è finita” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 ottobre 2018 13:22 | Ultimo aggiornamento: 6 ottobre 2018 13:31
luigi di maio parla di manovra

Luigi Di Maio (Ansa)

ROMA – “Nessun piano B” sulla manovra da far scattare in caso di un’emergenza spread a 400, e “deve essere chiaro” anche a Bruxelles, perché sulla manovra “il Governo non arretrerà”. Il vicepremier e ministro del Lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, lo sottolinea a margine di una visita al ‘Villaggio Coldiretti”. Dopo la lettera arrivata dai commissari Moscovici e Dombrovskis ci sarà “una fase di interlocuzione” con la Commissione Ue ma, ribadisce, “indietro non si torna”.

“Ci aspettavamo che questa manovra non piacesse a Bruxelles, adesso inizia una fase di discussione con la Commissione ma deve essere chiaro che indietro non si torna”, dice Di Maio. E sottolinea: “Questa non è una manovra che deve sfidare Bruxelles.

E’ una manovra che deve ripagare il popolo italiano di tanti torti subiti”, su pensioni, lavoro, risarcimenti “per chi è stato truffato dalle banche e dai precedenti Governi”, e per “chi ha diritto di pagare meno tasse perché sono imprenditori o partite Iva. Questo è il nostro obiettivo, poi ci sarà una interlocuzione nei prossimi mesi e nelle prossime settimane”. Di Maio poi attacca: “Non sono venuto qui per alzare i toni con l’Europa perché, diciamolo chiaro, questa Europa è finita”, sopravvivrà ancora “pochi mesi”. 

Poi getta acqua sul fuoco. “Apprezzo”, dice Di Maio, “il fatto che sia stata mandata a mercati chiusi. Abbiamo tutto il weekend per discutere di questa lettera a mezzo stampa, ma deve essere chiaro che questo Governo non arretra. Adesso il ministro Tria inizierà una interlocuzione con le istituzioni, il presidente Fico sarà nei prossimi giorni a Bruxelles. Saremo tutti compatti e faremo un gioco di squadra per spiegare alla Commissione Europea che gli italiani hanno bisogno di queste misure e che non sono misure spot ma finalmente cambiamo la vita delle persone”. 

Preoccupazioni in vista della scadenza del 15 ottobre? “No, non sono preoccupato, perché dopo tanti anni abbiamo scritto una manovra del popolo. E quando si aiuta la gente non si può essere preoccupati. Sono tranquillissimo” (video Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev)