Alessandro Di Battista va a scuola di falegnameria. Vuole una moneta di scambio in India

di Daniela Lauria
Pubblicato il 2 aprile 2019 9:31 | Ultimo aggiornamento: 2 aprile 2019 9:55
Alessandro Di Battista va a scuola di falegnameria. Vuole una moneta di scambio in India

Alessandro Di Battista va a scuola di falegnameria. Vuole una moneta di scambio in India

ROMA – Alessandro Di Battista si è dato alla falegnameria. A rivelarlo ai microfoni di Un Giorno da Pecora, in onda su Rai Radio 1, è Giacomo Malaspina, titolare dell’omonima scuola di falegnameria a Viterbo. A lui si è rivolto l’esponente 5 Stelle per apprendere il mestiere: da una settimana l’aspirante artigiano studia nel suo laboratorio. 

Quando si è presentato alla sua porta, Di Battista gli ha detto: “Sono venuto per impadronirmi di alcune tecniche che potrebbero servirmi nel mio viaggio in India”. Probabilmente, spiega il maestro Malaspina, “si vuole avvicinare al mondo dei più umili, degli artigiani, per avere una prima moneta di scambio, perché lui è interessato al dialogo, e in questo modo potrebbe avere un primo approccio con loro, alla pari, senza esser aggressivo”.

Che tipo di alunno è Di Battista? “Una persona che ascolta, e che dice spesso giusto, giusto quando ti ascolta. Di solito, nella mia esperienza, ciò significa che lo studente non ha capito nulla. Invece lui, dopo una spiegazione, fa esattamente quello che gli hai detto”. Voto: “7,5 perché non ha ancora finito il lavoro”. Ma il ragazzo si applica: “Secondo me è portato per la falegnameria – ha aggiunto Malaspina – fa progressi velocemente”. 

Nella sua prima settimana a bottega, il grillino ha imparato a lavorare in due modi:  “A mano, con scalpelli e seghe, e con le macchine. Ed è svelto nell’apprendere: ha riconosciuto subito la differenza tra una pialla a filo ed una spessore, due cose molto tecniche”. (Fonte: Un giorno da pecora)