Elezioni regionali, sondaggio Ispo: ecco le sfide regione per regione

Pubblicato il 12 Marzo 2010 13:23 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2010 13:23

Quattro regioni sono ancora in bilico in vista delle elezioni amministrative del 28 e 29 marzo. Secondo un sondaggio condotto da Ispo e pubblicato sul Corriere della Sera, la “partita” è ancora aperta in Piemonte, Liguria, Lazio e Campania.

La situazione più equilibrata è nel Lazio: Renata Polverini (centrodestra) ha il 48,5% delle preferenze, rispetto al 48,2% di Emma Bonino (centrosinistra).

La competizione è molto incerta anche in Piemonte: Mercedes Bresso (centrosinistra) conduce con il 48,9%, ma il leghista Roberto Cota (centrodestra) ottiene il 48%.

In Campania Stefano Caldoro (centrodestra) avrebbe il 48,5% dei voti, ma il candidato del centrosinistra Vincenzo De Luca sta recuperando terreno e si sarebbe portato al 46,8%.

In Liguria il presidente uscente Claudio Burlando (centrosinistra) si attesta sul 50,6%, mentre Sandro Biasotti (centrodestra) piace al 48,3% degli elettori.

In Lombardia il governatore in carica Roberto Formigoni (centrodestra) è vicino alla riconferma: dovrebbero votarlo il 56,2% dei votanti. Filippo Penati (centrosinistra) si ferma al 33,2%. Alla luce di questi numeri, sembra ininfluente il risultato del candidato dell’Udc Savino Pezzotta, che dovrebbe ottenere il 5,3%.

Anche in Veneto il centrodestra si avvia ad una facile vittoria con il leghista Luca Zaia, che otterrebbe al momento il 56,6% dei voti. Il candidato del centrosinistra Giuseppe Bortolussi è fermo al 34,6%. Antonio De Poli (Udc) è indicato al 6,9%.

In Puglia invece il sondaggio sorride a Nichi Vendola (centrosinistra), che dovrebbe avere il 46,8% delle preferenze. Il suo avversario del centrodestra, Rocco Palese, otterrebbe il 41,8%. Il “terzo candidato” Adriana Poli Bortone (sostenuta da Io Sud e Udc) va incontro a un risultato di tutto rispetto: adesso è stimata all’11%.

In Basilicata il presidente uscente Vito De Filippo (centrosinistra) viaggia verso la riconferma: attualmente lo voterebbe il 51,8% degli elettori lucani. Distanziato Nicola Pagliuca (centrodestra): i sondaggi lo danno al 40%.

In Calabria il favorito è Giuseppe Scopelliti (centrodestra), che è stimato al 50,4%. Il governatore attuale Agazio Loiero (centrosinistra) è dato al 35%. Pippo Callipo (Idv e Radicali) avrebbe il 13,4% delle preferenze.

In Toscana Enrico Rossi (centrosinistra) dovrebbe vincere tranquillamente con il 56,7%. Monica Faenzi del centrodestra non va oltre il 36,5%.

Probabile affermazione del centrosinistra anche in Emilia-Romagna. Vasco Errani, che sarebbe eletto per la quarta volta, ottiene al momento il 54,1% delle preferenze. Il candidato di centrodestra Anna Maria Bernini è ferma al 37,5%.

Centrosinistra in vantaggio anche nelle Marche: Gian Mario Spacca è dato al 49,3%, mentre Erminio Marinelli (centrodestra) non supererebbe il 42,8%.

Infine l’Umbria, altra regione che sembra destinata al centrosinistra: Catiuscia Marini dovrebbe ottenere il 49% delle preferenze, mentre Fiammetta Modena (centrodestra) dovrebbe attestarsi sul 40,6%.