Napolitano, Giovanni Toti: “Un fumo che non si dirada dal 2011”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 febbraio 2014 23:08 | Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2014 23:08
Giovanni Toti

Giovanni Toti

ROMA – Giovanni Toti attacca Giorgio Napolitano sul caso della presunta indicazione di Mario Monti già nell’estate del 2011. Secondo il consigliere di Silvio Berlusconi, ospite di Quinta Colonna su Rete 4,  “l’unico fumo è quello che non riusciamo a far diradare da quell’estate per capire che cosa è successo”.

“Berlusconi – dice ancora Toti – non è mai stato sfiduciato dalle Camere e soprattutto non lo era stato nel giugno del 2011. A me non risulta che prospettare un incarico quando c’è un governo in carica sia un compito istituzionale”, aggiunge.

“Ricordiamoci che in quel periodo la crisi economica economica non era ancora scoppiata, lo spread era a 250. C’era un governo in carica, non è chiaro per quale ragione Napolitano abbia deciso di chiamare Monti. Tra l’altro da allora non c’è più stato un governo scelto dai cittadini. E’ diventata una patologia. Quindi è importante vogliamo riavvolgere questa storia e capire quello che è successo” .