Nba cancella il razzista Sterling: sospeso a vita. Dovrà vendere. Multa da 5 mln

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 Aprile 2014 20:52 | Ultimo aggiornamento: 29 Aprile 2014 20:52
Nba, Sterling sospeso a vita. Dovrà vendere. Multa da 5 milioni di dollari

Silver annuncia la sospensione di Sterling (foto Ansa)

NEW YORK – Non potrà più mettere piede in un palazzetto dove si gioca una partita Nba. Sospeso a vita. E non potrà più farlo neppure se la squadra che vorrebbe andare a vedere è la sua. La Nba ha infatti sospeso a vita il patron della squadra di basket dei Los Angeles Clippers, Donald Sterling, accusato di aver pronunciato frasi razziste.

Sterling, che quindi non potrà mai più assistere a partite del campionato, sarà anche multato con 5 milioni di dollari. Non finisce qua, il commissioner della Nba Adam Silver ha anche annunciato: “Chiederò all’assemblea dei proprietari di aiutarlo a vendere”.

Contro le parole di Sterling, una intercettazione con la fidanzata in cui parlava in modo delirante di neri ed ebrei, si è scatenato tutto il mondo dello sport  Usa e non solo. Anche la squadra di Sterling, i Clippers, ha inscenato una protesta indossando le magliette al contrario.