Serie A, cresce il numero dei stranieri nel nostro campionato: 362 giocatori

Pubblicato il 10 luglio 2012 10:03 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2012 10:19
Ibrahimovic_Cavani

Ibrahimovic e Cavani (LaPresse)

ROMA – Il calcio italiano parla sempre più un’altra lingua ed i professionisti, nella stagione 2011-12, hanno raggiunto un totale di 1.195 stranieri, 362 dei quali in serie A, per una percentuale del 47,82%. Con un trend in continua crescita: erano il 43,71% l’anno prima, il 40,11% nel 2009-10, 37,94% nel 2008-09, il 38,72% nel 2007-08.

Sono cifre contenute in un’analisi dell’Associazione italiana calciatori. Dalla quale risulta che per numero di minuti giocati gli stranieri hanno addirittura sorpassato gli italiani, arrivando al 52%. Sul fronte dei tesseramenti si è passati dai 66 stranieri del 1995-96 ai 119 dell’anno successivo (dopo la sentenza Bosman, dicembre ’95). Ed anche in questo caso il crescendo è stato inarrestabile: 157 nella stagione 97-98, 229 nel 98-99, 249 nel 99-00 e così via. Fino ai 1.195 dell’ultimo campionato: 362 professionisti in serie A, 173 in serie B; 102 in I divisione; 43 in II divisione.

Nell’ultimo torneo di serie A la squadra a forti tinte azzurre è stata il Siena, con appena il 25% dei professionisti stranieri, seguita dall’Atalanta (34,29%) e dalla Juventus campione d’Italia (38%). Le più esterofile l’Udinese, che ha schierato il 65,71% dei calciatori stranieri, la Lazio (63,16%), il Palermo (58,54%) ed il Genoa (55,26%).

Un altro fenomeno che balza agli occhi dai numeri diffusi dall’Aic è l’alto numero dei cosiddetti “giovani di serie”: nell’ultima stagione tra comunitari ed extracomunitari sono stati ben 515 (116 in serie A, 117 in B, 149 in I divisione, 133 in II). Di questi 457 mai tesserati per una Federazione estera.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other