VIDEO YouTube Pineto, frana fa esplodere metanodotto: fiamme alte, 3 feriti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Marzo 2015 9:51 | Ultimo aggiornamento: 6 Marzo 2015 14:29
VIDEO YouTube Pineto, frana fa esplodere conduttura del gas: fiamme altissime

Pineto, frana fa esplodere conduttura del gas: fiamme altissime

PINETO (TERAMO) – Una frana fa esplodere un metanodotto a Mutignano nel Comune di Pineto (Teramo): otto persone sono state portate in ospedale, tra cui un bambino di 10 anni. Dodici in tutto gli intossicati. La frana ha fatto crollare un traliccio della corrente elettrica su un metanodotto, che ha preso fuoco, provocando un incendio di vaste dimensioni, con fiamme visibili a chilometri di distanza. In totale sono state tre le esplosioni che hanno provocato il vasto rogo. Coinvolto il metanodotto che va da Cellino Attanasio a Bussi. Tre le abitazioni coinvolte nell’incidente. Una abitata da due famiglie per un totale di 11 persone. Per ora tre quelle curate all’ospedale, due non gravi e una con ferite più significative. La casa più vicina all’esplosione era in costruzione. La situazione è stata messa sotto controllo dopo la chiusura del gas. Il comune di Atri (Teramo) è senza fornitura.

In Molise e Abruzzo nevica, con strade bloccate e scuole chiuse, in Toscana, Lazio, Campania e Marche soffia un vento fortissimo. Questo all’indomani della giornata che ha contato tre morti sempre per maltempo: un automobilista schiacciato da un masso a Lucca, una donna travolta da un albero a Urbino e un uomo schiacciato dal vento contro un furgone a Buscate (Milano).

In Abruzzo e Molise continua a nevicare. A Potenza, Campobasso e Isernia le scuole restano chiuse. Le autostrade A24 e A25 sono chiuse dalle 4 di questa mattina per bufere di neve; il vento molto forte ha toccato e superato in alcuni momenti i 140 km orari. Il tratto interessato dalla tempesta di vento e neve è quella tra la Valle Peligna e la Marsica e quella di L’Aquila Ovest e Colledara (Teramo).

La circolazione ferroviaria è stata sospesa in tratti della linea Avezzano-Roccasecca e della linea Pescara-Sulmona a causa della caduta di alberi provocata dal vento. In particolare sulla Avezzano-Roccasecca la circolazione è sospesa tra Capistrello e Civitella Roveto: le squadre tecniche di RFI sono al lavoro per rimuovere gli ostacoli; sulla Pescara-Sulmona il traffico ferroviario è invece sospeso fra Avezzano e Sulmona. Non sono stati attivati servizi sostitutivi con autobus per l’impraticabilità delle strade a causa delle bufere di neve. Dalle 7.25 è ripresa la circolazione tra Fossacesia e Porto di Vasto, sulla direttrice Adriatica, fortemente rallentata dalle prime ore del mattino per l’allagamento dei binari dovuto all’esondazione del fiume Osento.

Quella di venerdì 6 marzo si preannuncia come una giornata non meno difficile. In Toscana soffia ancora un vento forte, lo stesso che giovedì ha devastato Forte dei Marmi. Vento forte anche sulle Marche, dove le raffiche hanno abbattuto alberi e grossi rami, e a Napoli, dove, in via Cesario Console, un’impalcatura è ceduta, rovinando su numerose autovetture in sosta. Per fortuna non ci sono feriti.

(Foto Ansa)