Beppe Grillo, il suo blog vale molto più di quello delle stelle: migliaia di link ma non quelli compromettenti

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 gennaio 2018 17:29 | Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2018 17:29
Beppe Grillo con il suo nuovo blog ha tenuto molti link del vecchio ma non i post zavorra

Il nuovo blog di Beppe Grillo

ROMA – Beppe Grillo lascia il Blog delle stelle per tornare alle origini con il suo blog. E si porta dietro migliaia di link, ma non i post zavorra come quelli contro i vaccini o filorussi.

Come sottolinea Jacopo Iacoboni su la Stampa, 

il confronto (fonte Moz.com) tra il blog della Grillo srl e quello delle stelle è impietoso, per il secondo. Diversi parametri dicono che il blog di Grillo vale molto, il blogdellestelle molto molto meno. Il primo pesa in rete 78 (su 100), quello delle stelle pesa 50. Il ranking del primo è 6,46, quello del secondo è 5,83. Il totale dei link interni del primo è 21.732, quello del secondo è un modesto 2.686. Il totale dei link esterni di Grillo è 114mila, quello del blogdellestelle è appena 14.591. Questi numeri, che possono sembrare incomprensibili, significano quanto Google (per fare solo un esempio) è disposta a pagare per la pubblicità sui due rispettivi supporti. Grillo sa bene di questa sua forza, e può usarla contro l’asse Casaleggio-Di Maio.

Grillo però ha anche capito che molte pagine dietro quei link non sono positive per lui. Così le pagine più compromettenti, come quelle che legavano vaccini e autismo, sono state rimosse.

Secondo quanto ha detto a La Stampa l’informatico David Puente che le ipotesi sono due: “O sul blog delle stelle i post vecchi non li hanno caricati. Oppure Grillo non li voleva nel nuovo blog”. In questo modo Grillo si terrebbe il peso commerciale dei link ma non le pagine che possono creare imbarazzo.

 

Tra gli altri post che non si possono più leggere, sul blog di Grillo, ci sono quello sulla biowashball, una palla di plastica contenente dei granelli ceramici che sarebbe in grado di pulire la biancheria senza utilizzare detersivi, con danno per le multinazionali, i post filorussi ma anche il celebre vecchio post in cui Grillo inneggiava ad Anna Politkovskaja. Ovviamente prima di passare dalla parte di Vladimir Putin.