Donne maledizione grasso: meno tavola e più palestra, ma biologia le ingrassa

di Alessandro Camilli
Pubblicato il 20 Giugno 2019 9:46 | Ultimo aggiornamento: 20 Giugno 2019 9:46
Donne maledizione grasso: meno a tavola e più palestra, ma biologia le ingrassa

Donne maledizione grasso: meno tavola e più palestra, ma biologia le ingrassa (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Donne maledizione grasso. Ai nostri tempi e per la nostra cultura e secondi i nostri canoni estetici è appunto una maledizione, non sempre è stato così e non ovunque è così. Comunque qui e oggi le donne combattono una generale e quotidiana (relativamente poche le eccezioni) battaglia contro ciò che le ingrassa  e rende loro molto difficile dimagrire.

Eppure le donne si attengono generalmente all’indicazione meno tavola e più palestra. Le donne stanno più attente a cosa mangiano, sia in casa, sia soprattutto fuori casa. Tendono con attenzione e talvolta spasimo ai cibi sani. E’ donna perfino la patologia di questo corretto aspirare a ben mangiare, la cosiddetta ortoressia. E’ pieno di donne che vedono nel cibo se non un vero e proprio nemico certo un ostacolo e uno che lavora contro. E le donne vanno mediamente più in palestra degli uomini e, quando ci vanno, ci mettono maggiore impegno, non ai fini di far muscoli e testuggini addominali, ma al solo fine di buttare via, eliminare dal proprio corpo un po’ di grasso.

Ma è una battaglia che il corpo femminile non può mai del tutto vincere. Le donne ingrassano di più e fanno più fatica a dimagrire rispetto ai maschi perché la biologia e l’evoluzione hanno modellato il corpo femminile in maniera che sia predisposto ad immagazzinare grassi (ovviamente ai fini delle riproduzione).

5 x 1000

Inoltre l’organismo femminile viaggia di solito con un metabolismo più basso, insomma brucia più lentamente risorse. Aggiungere anche che le donne tendono a dormire qualcosa in meno degli uomini. Aggiungere ancora una maggiore vulnerabilità al comfort food, cioè al cibo consolatorio. E per giunta l’accertato effetto alcol sul corpo femminile: a parità di aperitivi l’effetto ingrassante dell’alcol è doppio nelle donne rispetto ai maschi.

Non manca una concausa di natura socio-economica: ovunque i tassi maggiori di sovrappeso ed obesità si registrano negli strati meno abbienti della società, meno abbienti sia dal punto di vista economico che culturale e, nonostante tanti progressi, le donne conoscono ancora le maggiori percentuali di basso reddito e bassa istruzione.

Quindi buona dieta, sapendo però che non c’è dieta che tenga testa o possa ribaltare quel che madre natura ha costruito: l’organismo femminile adatto ad immagazzinare grassi e a conservarli il più possibile.

Fonte Corriere della Sera