Blitz quotidiano
powered by aruba

VIDEO Bruxelles, sfregio? Donna toglie bandiera Israele e…

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

BRUXELLES – Questo filmato è stato ripreso con un telefonino oggi 24 marzo, due giorni dopo le esplosioni di Bruxelles, e pubblicato su LiveLeak. Siamo nel memoriale improvvisato a Bruxelles dopo gli attacchi terroristici, che si trova vicino alla stazione di Molenbeek.

Qui, una donna araba che indossa il hijab, il tradizionale velo islamico, sembra sostituire o coprire la bandiera di Israele con quella della Palestina. Il video sta facendo il giro del web: nel memoriale vicino alla metropolitana di Bruxelles colpita dall’attentato ci sono le bandiere di moltissimi nazioni, ceri e messaggi di cordoglio per le vittime. La donna sembrerebbe infastidita dalla presenza della bandiera di Israele che viene tolta e appallottolata sotto un’altra bandiera esposta.

Intanto emerge che gli attentati di Bruxelles insegnano è che in ogni casa, potenzialmente, si nasconde una bomba. Perché gli ingredienti usati per confezionare gli ordigni che i kamikaze hanno usato per farsi saltare in aria sono semplici, di uso quotidiano. Chi non ha in casa dei chiodi, dell’acqua ossigenata e dell’acetone per unghie?

Il perossido di acetone (Tatp), che è stato usato nelle stragi del 13 novembre a Parigi, è diventato l’esplosivo preferito dei terroristi Isis, chiamato anche “madre di Satana”, nei loro attentati in Europa. Degli specialisti di esplosivi spiegano perché. Una bomba fai da te, spiega in New York Times, costruita con ingredienti relativamente semplici da reperire al supermercato e in ferramenta e ha un potere esplosivo superiore dell’80% rispetto alla dinamite.