blitztv

YOUTUBE Etna, vulcanologo Marco Neri: “Nessun cratere è mai cresciuto così”

YOUTUBE Etna, vulcanologo Marco Neri: "Nessun cratere è mai cresciuto così"

Etna, vulcanologo Marco Neri: “Nessun cratere è mai cresciuto così”

ROMA – “Quel bestione è cresciuto a una rapidità impressionante. Dal 2011 con una cinquantina di eruzioni è arrivato a un’altezza di 300 metri”. Marco Neri, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) di Catania, spiega in una intervista a Repubblica, come è nato e come sta evolvendo il cratere dell’Etna che il 16 marzo ha provocato l’eruzione e il conseguente ferimento di una troupe della Bbc e di un vulcanologo.

“Si chiama Nuovo Cratere di Sud Est. Nessun cratere mai studiato prima nel mondo è cresciuto così rapidamente”. E questa eruzione è stata pure modesta. Se l’Etna è capace di dieci, oggi siamo a due. Dopo alcuni mesi di calma il vulcano ha ripreso la sua attività a fine dicembre. Ha avuto due o tre giorni vigorosi dal 27 febbraio, poi sembrava essersi riassopito. Giovedì all’alba nel Nuovo Cratere di Sud Est si è aperta una bocca quasi alla base e la lava ha iniziato a defluire. Per i turisti è uno spettacolo, ma la neve ha provocato l’esplosione”.

Non è poi la prima volta che questo fenomeno, detto delle “valanghe ardenti”, si presenta. “Nel 2006, non lontano da lì. Era un’ esplosione più potente di quella di oggi (ieri 16 marzo, ndr)- conclude Neri – e per fortuna ci trovavamo lontano, a 150 metri. Quel che si vede è la mistura di lava bollente e gas che viaggia lungo il pendio a 100-150 chilometri orari. Si muore per soffocamento, oltre che per le pietre e le scottature”.

To Top