Blitz quotidiano
powered by aruba

Gioco social, muore soffocato a 12 anni: mani al collo..

LONDRA – Karnel Haughton, 12 anni, è morto soffocato dopo aver partecipato ad un folle gioco sui social. Una mania pericolosa che sta prendendo piede tra i giovani.

Come racconta il quotidiano inglese Mirror, inizialmente le circostanze del decesso erano avvolte nel mistero e sono stati alcuni amici del ragazzino di Birmingham a farsi avanti e a far conoscere a famiglia e polizia la natura di questo gioco diventato popolare su internet: consiste nel farsi mettere le mani di qualche amico intorno al collo o a legarsi con una corda per non far arrivare l’ossigeno al cervello inducendo un’euforia temporanea.

Karnel ha riprodotto il gioco, non si sa se da solo o in compagnia, nella sua camera da letto e poi ha perso conoscenza. E’ stato trovato in fin di vita dalla mamma per poi morire poco dopo in ospedale.

“Un tragico incidente ha coinvolto un ragazzo di 12 anni che ha perso la sua vita a causa di un gioco social”, si legge su una pagina Facebook aperta per aiutare la famiglia del giovane a sostenere le spese per il funerale.