Cronaca Europa

Grenfell Tower, denaro raccolto “sparito”: famiglie vittime furiose

Grenfell Tower, denaro raccolto "sparito": famiglie vittime furiose

Grenfell Tower, denaro raccolto “sparito”: famiglie vittime furiose

LONDRA – Che fine ha fatto il denaro raccolto a favore delle vittime della Grenfell Tower, distrutta da un incendio in cui hanno perso la vita 80 persone? I furiosi residenti si chiedono perché sia stata distribuita solo una piccola parte dell’intera somma.

“Dov’è il denaro? Qui non è arrivato” hanno gridato i residenti nel corso di un recente incontro con l’amministrazione locale nella chiesa metodista di Notting Hill.

Ai residenti, che hanno perso le loro case, è stato consegnato meno del 6% di offerte volontarie, compresi vestiti e biancheria da letto, e finora soltanto 900.00 euro dei circa 23 milioni di euro raccolti, secondo un’inchiesta della BBC.

La Kensington and Chelsea Foundation, un ente di beneficenza locale, ha ricevuto 5,1 milioni di sterline in donazioni: ha distribuito 120.000 sterline alle organizzazioni locali e 60.000 in contanti. Ha attribuito il ritardo alla necessità di assicurarsi che i soldi stessero andando soltanto a chi fosse ammissibile all’assistenza, spiega il New York Times.

David Holdsworth, il direttore operativo della Commissione di beneficenza, che sta coordinando il lavoro di vari gruppi che raccolgono aiuti, ha dichiarato che ora le vittime hanno “un modo chiaro e semplice per accedere ai fondi”, ma ha aggiunto che molti non l’avevano fatto a causa dello shock e del dolore”.

Le domande sulla velocità e l’efficienza della risposta da parte delle organizzazioni di beneficenza, sono arrivate dopo le diffuse denunce sulla scarsa e irregolare prestazione dell’amministrazione locale, il Kensington e Chelsea Borough Council.

Poco dopo l’incendio, il governo centrale ha privato il consiglio comunale, proprietario del grattacielo, delle sue prerogative e diversi funzionari hanno rassegnato le dimissioni. La fondazione, che lavora con il consiglio ma è indipendente, ha affermato che ha dovuto affrontare dei ritardi nello sforzo di garantire che il denaro arrivasse alle persone giuste.

“Sono in corso ulteriori contributi in contanti e tutti i fondi raccolti andranno alle famiglie e alla comunità”, afferma in una dichiarazione.

Il governo ha impegnato 5.500 sterline in fondi di emergenza per ogni famiglia la cui casa è stata divorata dall’incendio ma i residenti sono delusi, sostengono che non sono stati consultati sul metodo di distribuzione del denaro raccolto. “Abbiamo perso tutto e abbiamo tutti bisogni diversi, ma nessuno ci sta chiedendo quali sono le nostre esigenze”, ha detto Eva Levi, il cui figlio è tra i dispersi.

Yvonne Harris, un’altra residente, insiste sul fatto che i soldi dovrebbero essere divisi uniformemente tra i sopravvissuti dei 129 appartamenti della Grenfell Tower. “Chi distribuisce i soldi?” ha chiesto nel corso di una conferenza stampa organizzata dal gruppo di base. La stanza era piena di scatole di donazioni, divise per tipologia, da volontari del posto a West London.

La comunità si è arrabbiata quando il consiglio comunale ha chiesto ai cittadini di sospendere la donazione di beni, poiché “sono più che sufficienti”.

“I sopravvissuti all’incendio vanno sul posto delle donazioni e non hanno mai chiesto di sospendere la raccolta, non hanno mai detto “basta”, afferma Niles Hailstones, presidente di Westway23, un gruppo della comunità.
Il consiglio comunale ha chiesto alla Croce Rossa britannica di vendere qualsiasi ulteriore abbigliamento donato alle vittime e distribuire tra loro il ricavato.

Ma i residenti hanno espresso dubbi riguardo all’iniziativa. “Il consiglio non dovrebbe essere autorizzato a prendere queste decisioni per nostro conto”, ha detto la signora Levi. “Abbiamo perso parecchia fiducia nel loro operato, ora è difficile fidarsi poiché, in questa situazione, non c’è trasparenza”.

To Top