Blitz quotidiano
powered by aruba

Lipsia, psicosi serial killer: 2 corpi fatti a pezzi nel lago

LIPSIA – Giovedì una donna tagliata a pezzi e chiusa in un sacco, venerdì il torso di un uomo. E’ psicosi serial killer in Germania, dopo il ritrovamento di due cadaveri in un lago vicino a Lipsia.

Secondo quanto riporta il settimanale Bild, in merito al ritrovamento di oggi sarebbero ancora in corso le ricerche nel lago. Il corpo mutilato è stato trovato in un laghetto artificiale nel quartiere Thekla, riferisce la polizia della Sassonia. Secondo un comunicato diffuso dalla Procura locale, che ha aperto un’inchiesta contro ignoti per duplice omicidio pluri-aggravato, gli episodi sarebbero collegati.

Il corpo della donna è stato invece ritrovato giovedì da due bagnanti che si erano immersi a nuotare nel lago. Stando a indiscrezioni riferite dai mass media, gli inquirenti sarebbero già in pos di indizi riguardanti l’identità delle vittime, che comunque non potranno essere ufficializzati prima di qualche giorno, una volta completati gli esami autoptici. Sembra inoltre che il luogo dei macabri ritrovamenti non sia quello delle uccisioni. Il lago di Thekla è stato chiuso alla balneazione. Ma l’incubo serial killer sembra ormai molto più che una ipotesi.

I ritrovamenti degli ultimi due giorni si aggiungono infatti a quello avvenuto lo scorso 21 aprile, non molto lontano dal lago, quando alcuni passanti si sono imbattuti in un altro cadavere mutilato (senza braccia e senza gambe) di una donna portoghese di 43 anni. Quel caso è ancora aperto. Non si sa se esista una relazione tra quel ritrovamento e quelli degli ultimi giorni. Ma la serialità dei ritrovamenti si fa via via più inquietante. Intanto, è stata disposta l’autopsia sui cadaveri.