Blitz quotidiano
powered by aruba

Eboli, Angelo Stabile accoltella suo cugino Fabio Stabile. Ma non lo uccide

EBOLI – Un uomo di 28 anni ha accoltellato suo cugino, coetaneo, a Santa Cecilia, Eboli (provincia di Salerno). La vittima è stata portata in ospedale a Battipaglia, dove si pensava in un primo momento fosse deceduta, e invece è ancora vivo. Il responsabile è stato immediatamente catturato. Indagano i carabinieri.

Il ragazzo, giunto all’ospedale di Battipaglia, è stato operato ed intubato. Al momento sta per essere trasferito al nosocomio di Salerno. Il giovane è in pericolo di vita. I carabinieri stanno procedendo per un tentato omicidio nei confronti del cugino.

Ancora non si conoscono i motivi che hanno portato il 28enne Angelo Stabile ad accoltellare il cugino Fabio Stabile questo pomeriggio ad Eboli (Salerno) nella frazione di Santa Cecilia, in via Delle Palme. Era però noto che tra i due vi fossero vecchi dissapori e che i due giovani non fossero mai andati d’accordo. Il quasi omicida, che è stato immediatamente catturato dai carabinieri, ha accoltellato il cugino, suo coetaneo, con delle forbici domestiche.

Due i fendenti che hanno raggiunto la vittima al collo, senza lasciargli scampo. Tutto è avvenuto a casa della vittima, dove l’omicida si era recato. É stato il padre del ragazzo ferito a morte ad allertare il 112. I carabinieri della compagnia di Eboli stanno indagando sull’accaduto, cercando di capire anche se le forbici erano o meno già in pos di Angelo Stabile. Quest’ultimo aveva problemi psichiatrici e per diverso tempo è stato anche ricoverato in case di cura.

 


TAG: