Cronaca Italia

Girolamo Filippi si impicca nell’hangar dell’aeroporto a Padova. Era stato truffato

Girolamo Filippi, vittima di truffa: si impicca nell'hangar dell'aeroporto a Padova

Girolamo Filippi, vittima di truffa: si impicca nell’hangar dell’aeroporto a Padova

PADOVA – Per colpa di una truffa era finito in rovina, al punto di decidere di farla finita. Tragedia all’aeroporto Gino Allegri di Padova, dove un addetto ai servizi antincendio è stato trovato impiccato nell’hangar dello scalo. Accanto a lui un biglietto spiegava l’estremo gesto, come conseguenza delle difficoltà economiche in cui versava, rese insostenibili da una truffa subita per alcune migliaia di euro.

Il tragico ritrovamento è avvenuto nel primo pomeriggio di martedì 2 maggio. La vittima è Girolamo Filippi, di 46 anni: viveva a Padova ma era originario della Sicilia. Il Gino Allegri è un piccolo scalo cittadino che ospita un aeroclub e un servizio di elisoccorso. Come riporta il quotidiano Il Gazzettino:

“La mattinata di ieri all’aeroporto era trascorsa senza problemi particolari, seguendo la solita routine: Filippi si era recato al lavoro come suo solito, si era bevuto un caffè con uno degli istruttori e aveva iniziato a svolgere le sue solite mansioni. A un certo punto, intorno a mezzogiorno, stando alla ricostruzione fatta dalla polizia intervenuta per i rilievi del caso, il siciliano ha comunicato al collega che sarebbe andato in bagno e dunque è entrato nell’edificio che ospita un deposito e anche gli uffici e i servizi igienici destinati ai dipendenti. Passano i minuti e Filippi non esce, tanto che, a un certo punto, il collega decide di entrare nella palazzina per controllare che tutto andasse bene. Mai, però, si sarebbe aspettato di trovarsi davanti agli occhi una scena tanto sconvolgente”.

 

To Top