Blitz quotidiano
powered by aruba

Multa notificata dopo 90 giorni, Tribunale: “Verbale nullo”

MILANO – Sentenza storica sulle multe da autovelox in ritardo. Il caso è arrivato in Cassazione. Come riporta il quotidiano Il Giorno, è stato il Comune di Milano a rivolgersi alla Suprema Corte dopo aver perso sia davanti al giudice di pace che al Tribunale civile contro un automobilista che ha impugnato un verbale notificato 5 mesi dopo l’infrazione, oltre i 90 giorni prescritti dall’articolo 201 del Codice della Strada.

Conseguenza: verbale annullato. E stop all’ interpretazione estensiva della norma varata dall’ amministrazione, che, oberata dal numero monstre di contravvenzioni, ha deciso di far scattare il countdown dal momento in cui il ghisa di turno visiona i fotogrammi che immortalano la violazione.

Il verdetto emesso dal Tribunale civile il 10 novembre 2015, scrive sempre il quotidiano, rischia di diventare precedente non di poco conto per piazza Scala (e le sue casse soprattutto). In ballo ci sono tutte quelle multe per eccesso di velocità rilevate dagli autovelox e notificate ben oltre i 90 giorni prescritti dall’articolo 201 del Codice della Strada. Contravvenzioni a scoppio ritardato.