Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, cadavere trovato in un campo a Settecamini

ROMA – Il cadavere di una trans è stato ritrovato a Roma in via Mazzeo di Ricco. L’hanno uccisa con colpi ripetuti alla testa, avvolta in un piumone e infilata in un sacco dell’ immondizia nero, di quelli condominiali, per poi gettarla via come fosse un rifiuto.Il corpo senza vita di Batista Thiago Fernando, tran brasiliana di 30 anni, era riverso in un campo nei pressi di una stradina residenziale nel quartiere di Settecamini, alla periferia Nord Est della Capitale. Ad accorgersi del cadavere è stato un condomino che ha chiamato la polizia.

La strada termina in un’area incolta nel quartiere del IV Municipio Tiburtino, a poche centinaia di metri da largo Chiaro Davanzati. Stando alle poche informazioni finora filtrate dagli investigatori, è ormai conclamata l’ipotesi di un omicidio. Il cadavere della trans, privo di documenti e dall’apparente età di 45 anni, è stato trovato in stato di decomposizione come accertato dal medico legale arrivato sul posto. Aveva diverse ferite alla testa. 

La procura di Roma ha aperto un’inchiesta per omicidio volontario e la squadra mobile sta indagando nel mondo della prostituzione. Non si esclude che ad ucciderla con ripetuti colpi possa essere stato un cliente che poi si è disfatto del corpo, gettandolo vicino ad alcuni cassonetti dei rifiuti. Ora è caccia all’uomo.

A dare l’allarme venerdì mattina intorno alle 11.30 è stato un condomino di via Mazzeo di Ricco, che ha notato un uomo gettare davanti ai caseggiati, su un’area verde, il sacco contenente il corpo senza vita della vittima. Il testimone, che è stato sentito dalla polizia, ha assistito alla scena e, insospettitosi, ha chiamato gli agenti e permesso loro di ritrovare il cadavere nel campo di fronte al condominio.

Oltre a lui altre persone che potrebbero aver assistito alla scena vengono sentite in queste ore per cercare di ricostruire l’identikit dell’uomo che è stato visto disfarsi del cadavere e che potrebbe essere il killer. Il testimone lo avrebbe visto abbandonare alcuni pannelli di compensato dietro i quali avrebbe nascosto il corpo, non riuscendo a gettarlo nei cassonetti. Per tutta la giornata la Polizia Scientifica ha lavorato sul campo raccogliendo prove e campioni. Sono in corso indagini della Squadra Mobile per ricostruire con esattezza la vicenda e per rintracciare l’uomo che si è sbarazzato del cadavere.