Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, colonnello Guardia di Finanza si uccide in caserma

ROMA – Un tenente colonnello della Guardia di Finanza in servizio al Polo Anagnina (Roma) della Dia è stato trovato morto lunedì mattina all’interno della sua stanza. Dalle prime informazioni, sembrerebbe che si sia tolto la vita con un colpo di pistola alla testa. A dare l’allarme, intorno alle 9, un collega. Sulla vicenda indaga la squadra mobile di Roma.

Un solo colpo con la pistola d’ordinanza per togliersi la vita. Si è suicidato nella sua stanza al Polo Anagnina un tenente colonnello della guardia di finanza in servizio al primo reparto della Direzione investigativa antimafia. Dietro al gesto dell’ufficiale, un 47enne e da anni impegnato in complesse indagini contro la criminalità organizzata, ci sarebbero motivazioni familiari.

A dare l’allarme alla polizia, intorno alle 6.30 di lunedì mattina, è stato il collega e compagno di stanza della vittima. Dopo un primo sopralluogo degli agenti delle volanti, il caso è stato affidato agli investigatori della squadra mobile. Visto il delicato ruolo del finanziere, spiega Repubblica, bisogna individuare con chiarezza le cause di una decisione tanto estrema.