Blitz quotidiano
powered by aruba

Ventimiglia, agente morto. No Borders annullano manifestazione

VENTIMIGLIA (IMPERIA) – “Non vogliamo cadere in trappola, per questo abbiamo annullato la manifestazione a favore di un presidio fisso a difesa delle ‘persone in viaggio’ che sono recluse nel centro di Ventimiglia”: con queste parole gli attivisti “No Borders” hanno annunciato la cancellazione del corteo previsto per oggi pomeriggio alle 15 a Ventimiglia, cittadina ligure al confine con la Francia.

“Non c’entriamo nulla con la morte dell’agente di polizia, avvenuta per cause naturali mentre i suoi colleghi ci inseguivano e picchiavano”, hanno sottolineato gli attivisti, in riferimento alla morte per infarto di Diego Turra, 52 anni, sovrintendente capo della Polizia di Stato di Genova, deceduto durante i tafferugli tra polizia e No Borders che sabato sera avevano occupato una ex caserma dei Vigili del fuoco a Ventimiglia.

La decisione dei No Borders arriva anche dopo che tre cittadini francesi sono stati fermati dalla polizia italiana alla frontiera di Ponte San Ludovico, in territorio italiano, con mazze, coltelli e cappucci neri. I tre sono stati arrestati. Tra le ipotesi quella che volessero partecipare alla manifestazione in programma per oggi, domenica 7 agosto, a Ventimiglia. Al valico di frontiera del Fanghetto sono state fermate altre tre persone, due donne ed un uomo, trovati in pos di bastoni, spranghe, catene e coltelli. Si tratta di una donna toscana residente a Parigi e due francesi, un donna e un uomo.

CORDOGLIO PER LA MORTE DI TURRA – Cordoglio per la morte di Turra è stato espresso dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi: “Il presidente del Consiglio Matteo Renzi – si apprende da fonti della Presidenza del Consiglio – ha sentito il ministro dell’Interno Angelino Alfano, dopo quanto accaduto a Ventimiglia, e ha espresso il cordoglio per la morte dell’agente di polizia”. Cordoglio, poi, oltre che naturalmente dal ministro Alfano stesso, anche da parte del capo della Polizia Franco GabrielliIl presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato a Gabrielli il seguente messaggio: “Nell’apprendere con profonda tristezza la notizia della tragica morte dell’assistente capo Diego Turra,  impegnato in attività di servizio a Ventimiglia, desidero esprimere a lei e alla polizia di Stato la mia solidale vicinanza. La prego di far pervenire ai familiari le espressioni della mia commossa partecipazione al loro cordoglio”.

Dopo quanto accaduto, in Liguria, dunque, il presidente della Regione, Giovanni Toti, ha chiesto al governo “di intervenire subito”, e parla di “dolore e rabbia per gli irresponsabili che alimentano tensioni. A Ventimiglia – conclude – servono agenti e pugno duro, basta perdere tempo”.