Blitz quotidiano
powered by aruba

Wind, utile record grazie alla cessione torri di Galata

L'azienda italiana di telecomunicazioni chiude il 2015 con un utile netto di 428 milioni di euro che beneficia della vendita di Galata. Ricavi a 4,4 miliardi ( -4%) ed Ebitda a 1,6 miliardi (-7%)

MILANO – Wind, utile record grazie alla cessione di Galata, la società delle torri. L’azienda italiana di telecomunicazioni chiude il 2015 con un utile netto di 428 milioni di euro che beneficia della vendita di Galata. Ricavi a 4,4 miliardi ( -4%) ed Ebitda a 1,6 miliardi (-7%).

La società guidata da Maximo Ibarra registra un margin Ebitda del 37,7% , valore più alto del mercato, e un cash flow vicino al miliardo di euro. Wind ha investito 251 milioni nella rete 4G/Lte che ora copre il 56% della popolazione e per migliorare la rete Hspa.

In recupero il quarto trimestre con ricavi in crescita del 5% a 1,17 miliardi ed Ebitda a 441 milioni in crescita del 5,3%. La controllante Vimpelcom inserisce Wind nel suo bilancio tra gli asset disponibili alla vendita e ricorda il processo autorizzativo in corso per creare la joint venture con 3Italia. 

Il 5 febbraio scorso l’operazione è stata notificata alla commissione europea e il gruppo si attende di chiudere entro la fine dell’anno. Dalla fusione nascerà il primo operatore nazionale nel mobile, forte di un parco di oltre 33 milioni di clienti, di cui 31 nella telefonia wireless e 2,8 in quella fissa (2,2 sulla banda larga) in grado di competere ad armi pari con gli altri due big sul mercato, Telecom Italia e Vodafone. La quota di mercato di Wind e 3Italia dovrebbe essere del 36% nel mercato mobile, contro il 35% di Telecom ed il 29% di Vodafone.

 

 

 


TAG: