Media

Diffamazione, blog non è responsabile dei commenti

Diffamazione, chi gestisce blog non è ritenuto responsabile dei commenti

Diffamazione, chi gestisce blog non è ritenuto responsabile dei commenti

STRASBURGO – Chi gestisce un blog non può essere ritenuto legalmente responsabile dei commenti diffamatori pubblicati anonimamente da terzi. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo, definendo tuttavia alcuni importanti criteri che devono essere presi in considerazione affinché questa regola possa essere applicata.

A ricorrere a Strasburgo è stato un cittadino svedese secondo il quale, non agendo per diffamazione contro i gestori di un blog su cui un anonimo aveva postato un commento in cui l’accusava di essere coinvolto con un partito nazista, i tribunali svedesi hanno violato il suo diritto al rispetto della vita privata.

Per i giudici di Strasburgo, però, il suo ricorso è inammissibile, dal momento che i tribunali nazionali hanno ben bilanciato il diritto dell’uomo al rispetto della vita privata e quello dei gestori del blog alla libertà d’espressione.

La Corte ha tuttavia posto una serie di condizioni. Innanzitutto i giudici osservano che il commento in questione pur essendo “offensivo” e “diffamatorio” non ricade nella categoria del discorso d’odio o dell’incitamento alla violenza. Inoltre, i gestori del blog “non potevano prevedere il commento, dato che non aveva nulla a che fare con il resto del contenuto”.

La Corte osserva poi che a gestire il blog “è una piccola associazione non profit, sconosciuta al grande pubblico” e quindi “era improbabile che il sito attirasse molti commenti o che questi fossero letti da molti internauti”.

Secondo la Corte “attendersi che l’associazione ritenesse che alcuni dei commenti postati potevano infrangere la legge comporta richiederle di adottare misure eccessive e irrealizzabili capaci di minare il diritto alla libertà d’espressione su internet”.

Infine la Corte rileva che i gestori hanno rimosso il commento, rimasto per nove  giorni online, il giorno dopo aver ricevuto la richiesta dal ricorrente, pubblicando una spiegazione e delle scuse.

To Top