Blitz quotidiano
powered by aruba

Kickass, sito downloads torrents chiuso. Arrestato il fondatore

ROMA – Brutte notizie per chi scarica illegalmente film e musica da Internet. Stati Uniti e Polonia, con un’operazione congiunta, hanno portato alla chiusura di Kickass Torrents  uno dei più noti siti di peer-to-peer del mondo.

Kickass non è quindi più raggiungibile (per ora) e i suoi fondatori  si trovano in guai abbastanza seri: per loro accusa di violazione di Copyright e soprattutto di riciclaggio. Gli Stati Uniti hanno già richiesto al governo polacco l’estradizione Artem Vaulin, 30 anni, l’uomo ritenuto la mente di Kickass. Di sicuro l’uomo che ne gestisce la pagina Facebook. Washington ha già aperto un fascicolo a suo carico, che lo accusa di associazione a delinquere mirata alla violazione di copyright e al riciclaggio di denaro.

Secondo le autorità sarebbe lui la mente dietro al sito per la condivisione di file più visitato al mondo – si parla di oltre 50 milioni di utenti unici al mese – attraverso il quale avrebbe distribuito illegalmente contenuti digitali per un valore di oltre 1 miliardo di dollari. Al suo ideatore il sito web frutterebbe invece 16 milioni di dollari all’anno in termini di entrate pubblicitarie. Per risalire a Vaulin gli investigatori hanno lavorato anche sotto copertura, contrattando l’acquisto di spazi pubblicitari sul sito incriminato. E a svelare l’identità dell’uomo ha contribuito anche Apple, grazie – ironia della sorte – a un acquisto perfettamente legale fatto su iTunes. Scrive Repubblica:

Vaulin è sotto accusa per aver “distribuito illegalmente (tramite Kickass Torrents, ndr) oltre un miliardo di dollari in materiale protetto da copyright”. Non è stato però reso noto il calcolo matematico che ha portato a tale cifra. Il blocco dei vari domini a cui KAT fa riferimento dovrebbe completarsi nel corso delle prossime ore, ma sono già quasi tutti irraggiungibili, compresa la pagina che dovrebbe riportare lo stato degli stessi.