Blitz quotidiano
powered by aruba

Vladimir Luxuria: “Quella sera con Berlusconi e Francesca Pascale…”

ROMA – “Il cerchio magico? Non ci vedo nulla di strano, ricorda una corrente di partito nella Prima Repubblica. E poi, un leader non si può circondare di chi si fida? Lo fa Renzi, può farlo anche Berlusconi”. Vladimir Luxuria, in una intervista al Tempo, parla dell’intervento di Silvio Berlusconi e dell’amicizia con Francesca Pascale. Appena ha saputo del malore del Cavaliere “ho subito mandato un messaggio a Francesca”, racconta. “Io penso che una persona che non la pensa come te non sia un nemico, ma un avversario. Il mondo è bello perché ci sono tante idee diverse. È proprio per questo che andai a quella famosa cena ad Arcore a parlare di unioni civili, stepchild adoption, diritti. E fui massacrata, da Gasparri ai comunisti…”.

Quella sera Luxuria, Berlusconi e la Pascale si fecero un selfie: “Eravamo un po’ brilli. Eravamo dopo cena, ambiente allegro, poi Berlusconi ha questo brandy al cioccolato che è buonissimo. Si scherzava, si rideva. Poi io mi sono presa anche una piccolavendetta... Siccome avevo sentito Berlusconi raccontare barzellette sui gay, io gliene ho raccontate alcune su di lui, e l’ha presa a ridere, perché un uomo spiritoso. Questo per dirle il clima che si respirava”.

E comunque Luxuria e Francesca sono amiche: “È una simpatica ragazza, esprime la sua genuina napoletanità. Ci sentiamo, magari anche per cose da donne, tipo mi manda su whatsapp le foto di un paio di scarpe che vuole comprare e mi chiede consiglio. Cose così”. E sulle lacrime non ha dubbi: tutto vero. “Anche se tu salvi un gatto da un pericolo”, ironizza, “sul web arriva comunque qualcuno che ti accusa di volerlo portare a casa per cucinarlo con le patate. È uscita sul balcone, le scappava di piangere, ed è normale che ci fossero i fotografi. Dov’è il problema?”.