Blitz quotidiano
powered by aruba

Germania pronta ad attacco nucleare: “Fate scorta di cibo e acqua”

BERLINO – La Germania si prepara ad attacchi nucleari e conflitti armati. Legati al terrorismo ma non solo. Per la prima volta dalla caduta del muro di Berlino e dalla fine della Guerra Fredda il governo tedesco si appresta a varare un documento di 69 pagine in cui si spiega come far fronte ad attacchi con armi biologiche o chimiche e come ci si protegge dal diffondersi di nuvole radioattive.

Non solo: nel documento, intitolato in modo molto neutro “Concezione di difesa civile”, si chiarisce quali scorte devono fare i cittadini in caso di attacchi per sopravvivere almeno dieci giorni: due litri di acqua a persona per cinque giorni e alimenti sufficienti “per dieci giorni”.

Il documento, che dovrebbe essere approvato dal governo mercoledì 24 agosto, è stato anticipato dalla Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung (FAS). Il documento, redatto dal ministero degli Interni, premette che “un attacco contro il territorio tedesco, che richieda una difesa convenzionale della nazione, è improbabile”. Ma una minaccia grave alla sicurezza della nazione non può essere esclusa in futuro e quindi sono necessari alcuni provvedimenti di difesa civile.

L’ultima “Concezione di difesa civile” tedesca era stata elaborata nel gennaio del 1989, prima della caduta del Muro di Berlino, quando ancora la Nato faceva esercitazioni per una possibile guerra con l’Unione sovietica. Negli anni seguenti il bunker anti-atomico del governo vicino alla vecchia capitale Bonn venne chiuso. Ma dopo gli attentati dell’11 settembre 2001 e l’attivismo russo iniziato nel 2014, la questione è tornata di attualità.