Politica Italia

Elezioni comunali 2017 Rieti: candidati, come si vota FAC SIMILE SCHEDA ELETTORALE

RIETI – Domenica 11 giugno si vota a Rieti e in altri 1.011 comuni per le elezioni comunali. I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23. Si eleggeranno nuovi sindaci e consigli comunali. L’eventuale turno di ballottaggio è fissato dopo due settimane dalla prima votazione, cioè per domenica 25 giugno.

Saranno 5 i candidati a sindaco. Il sindaco uscente Simone Petrangeli, sostenuto dalla coalizione di centrosinistra, avra’ 6 liste per lui (Partito democratico, Partito socialista italiano, Alleanza per Rieti, Avanti Tutta!, Progressisti, Coalizione Civica, Rieti Cambia). Sono 9 invece le liste per Antonio Cicchetti, gia’ sindaco di Rieti tra il 1994 e il 2002, consigliere regionale tra il 2005 e il 2010, e assessore alla cultura della Regione Lazio nella giunta Polverini: a sostenerlo Forza Italia, Direzione Italia, Unione di Centro, Agire-Fratelli d’Italia, Alternativa per Rieti, Amo Rieti, #IociSto, Patto per Rieti, Uniti per Rieti). Saranno sostenuti da una sola lista i candidati Giosue’ Calabrese (Rietimerita), gia’ presidente della provincia di Rieti tra il 1994 e il 2004, Lodovica Rando (Movimento 5 Stelle), con la quale i grillini fanno il loro esordio nel capoluogo laziale, e Massimo D’Angeli (Forza Nuova). Oltre a Rieti, nella provincia sabina altri 7 Comuni andranno al voto: Antrodoco, Casaprota, Cittaducale, Montenero Sabino, Nespolo, Pescorocchiano e Salisano.
Come si vota.

Nei Comuni con più di 15.000 abitanti, come Rieti, si vota sempre con una sola scheda, sulla quale saranno già riportati i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e, a fianco di ciascuno, il simbolo o i simboli delle liste che lo appoggiano. Il cittadino può esprimere il proprio voto in tre modi diversi:

1. tracciando un segno solo sul simbolo di una lista oppure tracciando due segni: uno sul simbolo di una lista e un altro sul rettangolo dove è riportato il nome del candidato alla carica di Sindaco appoggiato dalla lista stessa. In entrambe i casi assegna il proprio voto sia alla lista contrassegnata sia al candidato Sindaco da quest’ultima appoggiato.

2. Tracciando un segno sul nome di un candidato Sindaco e un altro segno sul simbolo di una lista che NON appoggia detto candidato Sindaco. In questa caso l’elettore esercita il cosiddetto “voto disgiunto”, vale a dire vota un candidato Sindaco diverso da quello appoggiato dalla lista votata. N.B: nei casi 1. e 2. accanto al simbolo della lista votata possono essere indicate un massimo di due preferenze per candidati alla carica di consigliere comunale, purché di s***o diverso e sempre appartenenti alla stessa lista.

3. Tracciando un segno solo sul nome del Sindaco, votando così solo per il candidato Sindaco e non per la lista o le liste a quest’ultimo collegate.

E’ eletto Sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno). Qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare la seconda domenica successiva per scegliere tra i due candidati che al primo turno hanno ottenuto il maggior numero di voti (ballottaggio). In caso di parità di voti al primo turno, verrà ammesso al ballottaggio il candidato della lista più votata (maggiore cifra elettorale) e, in caso di ulteriore parità, verrà ammesso il più anziano di età (gli stessi criteri saranno usati in caso di parità nel ballottaggio). Al secondo turno viene eletto Sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti.

CLICCA QUI PER IL FAC SIMILE DELLA SCHEDA ELETTORALE

To Top