Politica Italia

Sciopero trasporti, Delrio: “Servono nuove regole. Il Paese non può essere ostaggio di minoranze”

Sciopero trasporti, Delrio: "Servono nuove regole. Il Paese non può essere ostaggio di minoranze"

Scontro in mare: ci sono sette marinai dispersi
Sciopero trasporti, Delrio: “Servono nuove regole. Il Paese non può essere ostaggio di minoranze”

ROMA – “Bisogna intervenire per evitare che una minoranza di lavoratori tenga in ostaggio una maggioranza di cittadini nelle loro esigenze quotidiane. Questi sono i danni di una situazione inaccettabile”. Per il ministro dei Trasporti Graziano Delrio, intervistato da Repubblica, “va aperta una riflessione su come dare senso alla rappresentanza. Se una minoranza tiene in ostaggio anche i lavoratori di un’azienda, qualcosa non va”.

“Immagino un filtro. Non è possibile che si proclamino scioperi a prescindere, con rappresentanza del 10% dei lavoratori. In altri Paesi non è consentito”, dice Delrio. “Bisogna ovviamente garantire il diritto allo sciopero, ma distinguendone tempi e modi. Ad esempio, deve contare se è proclamato da organizzazioni rappresentative o meno”.

Nel caso in cui fossero poco rappresentative, “magari non è necessario fare un referendum ogni volta, ma almeno si può immaginare di sancire tempi più lunghi di preavviso nel caso in cui lo sciopero venga proclamato da organizzazioni che non rappresentano il 50% dei lavoratori”, osserva il ministro.

“Nulla di nuovo, è già previsto nel pubblico impiego”. “Credo spetti al Parlamento intervenire. È una materia così delicata che non può essere affrontata con un’iniziativa del governo”, evidenzia Delrio. “Da ministro, ho già dato la massima disponibilità a seguire la discussione, una volta che le forze politiche decideranno di calendarizzare la discussione. E’ il momento di avviarla”.

To Top