Politica Mondo

Theresa May rifiuta regole islamiche: a Riad senza velo

Theresa May rifiuta regole islamiche: a Riad senza velo

Theresa May rifiuta regole islamiche: a Riad senza velo

ROMA – Theresa May rifiuta regole islamiche: a Riad senza velo. “Le buone relazioni con l’Arabia saudita sono nel nostro interesse nazionale”. La premier britannica Theresa May usa più volte questa formula in una intervista alla Bbc per rispondere alle polemiche sulle accuse riguardanti le violazioni dei diritti umani da parte di Riad. Il primo ministro è arrivata nel secondo Paese della sua visita in Medio Oriente, dopo la Giordania, per rendere ancora più solidi i rapporti economici e militari fra sauditi e britannici.

Allo stesse tempo i media del Regno Unito hanno sottolineato come May abbia volutamente scelto di non indossare un velo sul capo nel corso dei suoi incontri coi governanti dei due Stati musulmani per difendere, simbolicamente, l’emancipazione femminile, in particolare nell’Arabia Saudita nota per le sue discriminazioni di genere. La premier ha detto che si augura di poter rappresentare un esempio per le donne del Paese. Inoltre la leader conservatrice ha mostrato una apertura verso Bruxelles, ammettendo che si può siglare un accordo commerciale con l’Ue una volta terminati i negoziati sulla Brexit.

“Qualora venisse provato, l’attacco chimico in Siria sarebbe una nuova prova della barbarie del regime siriano”, ha anche dichiarato la premier britannica chiedendo, come aveva fatto in precedenza il suo ministro degli Esteri Boris Johnson, che venga aperta una inchiesta sull’accaduto.

To Top