Blitz quotidiano
powered by aruba

La macchina che trasforma pipì in acqua. Ci faranno la birra…

ROMA – Urina per dissetarsi? Non è solo un efficacie metodo di sopravvivenza nella malaugurata ipotesi in cui doveste perdervi nel deserto. Ma presto potrebbe diventare realtà. Alcuni ricercatori belgi hanno creato un apparecchio che sfrutta l’energia solare per trasformare la pipì in acqua potabile. Il team di scienziati, della Ghent University, spera che questa tecnica possa presto approdare nelle aree rurali o in paesi in via di sviluppo.

Il Dr Sebastiaan Derese, che ha lavorato al dispositivo, ha detto: “Dall’urina siamo in grado di recuperare fertilizzanti e acqua potabile, utilizzando solo un processo semplice e dell’energia solare”.

L’apparecchio raccoglie l’urina in un serbatoio e la riscalda usando un boiler ad energia solare. L’urina riscaldata passa attraverso una membrana, che divide l’ acqua dai vari nutrienti come il potassio, il nitrogeno e il fosforo, usati poi come fertilizzanti.

Con lo slogan #peeforscience (letteralmente, pipì per la scienza), il team ha recentemente provato i vari dispositivi nel corso del Ghent Festival nei concerti, teatri e nel centro della città, raccogliendo 1.000 litri di acqua dalla pipì dei partecipanti.

E ora, l’acqua raccolta dai concerti verrà trasformata in quello che i belgi sanno fare molto bene: la birra. Voi la berreste?

Immagine 1 di 2
  • 2
Immagine 1 di 2

TAG: