Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Al Qaeda minaccia Napoli e Roma: “Bombe ovunque”

Un nuovo video di Al Qaeda nel Maghreb islamico minaccia le città europee. "Colpiremo a Napoli... Roma... Madrid. Le esplosioni saranno ovunque", afferma un combattente, secondo quanto riferisce su Twitter Rita Katz, la direttrice del Site.

TUNISI – Un nuovo video di Al Qaeda nel Maghreb islamico minaccia l’Italia: “Colpiremo a Napoli… Roma… Madrid. Le esplosioni saranno ovunque”, afferma un combattente, secondo quanto riferisce su Twitter Rita Katz, la direttrice del gruppo di intelligence americano Site.

Mercoledì 6 gennaio il sito di monitoraggio del terrorismo islamico online ha riferito di un nuovo filmato dell’Al Qaeda Islamic Maghreb (Aqmi) in cui il jihadista Abu Baseer al Bumbari, liberato dal Mali in cambio dell’ostaggio francese Serge Lazarevic nel 2014, incitava ad attaccare la Francia.

Ma chi è Rita Katz, la donna che fornisce a gran parte del mondo occidentale che non parla arabo le notizie e gli aggiornamenti dell’attività dei terroristi sul web?

Katz è una signora che ha da poco superato i cinquant’anni. Nata nel 1963 a Bassora (seconda città dell’Iraq) da una famiglia ebraica. Nel 1968 il padre viene arrestato dal Regime di Saddam Hussein con l’accusa di spionaggio in favore di Israele e l’anno dopo viene impiccato in pubblica piazza. La madre di Katz – come ha raccontato il New Yorker in un lungo articolo dedicato alla sua storia – riesce a fuggire con i tre figli piccoli, prima in Iran e poi in Israele. Studia storia e scienze politiche all’università di Tel Aviv. Poi, da sposata, segue il marito (endocrinologo) a Washington.

Nella capitale degli Stati Uniti, riesce ad entrare all’Istituto di ricerca sul Medio Oriente e dopo alcuni anni decide di mettersi in proprio fondando ‘Site’. Le sue analisi e le sue ricerche sono talmente accurate da essere usate anche dal governo statunitense. In alcuni casi, come ha raccontato il Washington Post, collabora con le stesse autorità (Fbi in testa) in delicate indagini contro il terrorismo su suolo americano.

 





TAG:

PER SAPERNE DI PIU'