Un po’ di rabbia aiuta, arrabbiatevi se volete raggiungere i vostri obiettivi, così ha scoperto uno studio


Un po' di rabbia aiuta, arrabbiatevi se volete raggiungere i vostri obiettivi, così ha scoperto uno studio internazionale su 1000 volontari

di Maria Vittoria Prest
Pubblicato il 26 Novembre 2023 - 11:55
Un po' di rabbia aiuta, arrabbiatevi se volete raggiungere i vostri obiettivi, così ha scoperto uno studio internazionale su 1000 volontari

Un po’ di rabbia aiuta, arrabbiatevi se volete raggiungere i vostri obiettivi, così ha scoperto uno studio internazionale su 1000 volontari

Un po’ di rabbia aiuta se volete raggiungere i vostri obiettivi, secondo studi che sostengono che arrabbiarsi fa aumentare il livello di impegno

Se si vuole essere un grande professionista, arrabbiarsi può essere d’aiuto.

Secondo gli esperti, quando le persone sono arrabbiate tendono a impegnarsi di più per raggiungere i propri obiettivi.

Uno studio ha reclutato 233 studenti e ha mostrato loro immagini neutre o progettate per provocare divertimento, tristezza, desiderio o rabbia, come ad esempio l’insulto alla loro squadra del cuore.

Poi è stata data loro una serie di anagrammi difficili da decifrare in 20 minuti e trovare le parole che contenevano.

Quando le persone erano arrabbiate, riuscivano a risolvere correttamente il 39% in più di anagrammi.

Sembrava che si impegnassero di più, dal momento che dedicavano più tempo agli anagrammi più difficili, invece di arrendersi.

Tuttavia, un secondo esperimento ha rilevato che le persone erano anche più propense a imbrogliare nei test quando erano arrabbiate.

La professoressa Heather Lench, che ha condotto lo studio presso la Texas A&M University, ha dichiarato: “Le persone spesso credono che uno stato di felicità sia ideale e la maggior parte delle persone considera la ricerca della felicità uno dei principali obiettivi della vita.

L’idea che le emozioni positive siano l’ideale per la salute mentale e il benessere è stata molto presente nei resoconti scientifici e psicologici sulle emozioni, ma le ricerche condotte in precedenza suggeriscono che un mix di emozioni, comprese le emozioni negative come la rabbia, producono i risultati migliori”.

Le persone potrebbero essere evolutivamente programmate per rispondere alla rabbia con azioni volte a superare un ostacolo.

Il nuovo studio, pubblicato sul Journal of Personality and Social Psychology, ha combinato cinque esperimenti separati che hanno coinvolto più di 1.000 volontari.

In un altro esperimento, l’obiettivo era quello di ottenere punteggi elevati in un videogioco di sci, con una versione facile che prevedeva solo salti, mentre un’altra più difficile richiedeva di evitare le bandierine su un percorso a slalom.

Nel gioco più complicato, la rabbia ha portato a punteggi migliori rispetto a quando le persone erano mantenute in uno stato emotivo neutro.

Ma non è stato così per il gioco meno impegnativo.

Tuttavia, le persone arrabbiate hanno avuto tempi di reazione più rapidi quando è stato chiesto loro di premere un pulsante in risposta a una forma che lampeggiava sullo schermo.

Mentre la rabbia è stata associata a un maggiore successo in tutto lo studio, in alcuni casi anche il divertimento o il desiderio sono stati associati a un maggiore raggiungimento degli obiettivi.

Il professor Lench ha dichiarato: “Le persone spesso preferiscono usare le emozioni positive come strumenti piuttosto che quelle negative e tendono a vedere le emozioni negative come indesiderabili e dannose.

La nostra ricerca si aggiunge alla crescente evidenza che un mix di emozioni positive e negative promuove il benessere e che l’uso di emozioni negative come strumenti può essere particolarmente efficace in alcune situazioni”.

Separatamente, i ricercatori hanno scoperto che le persone erano più propense a votare alle elezioni se affermavano che si sarebbero arrabbiate se il loro candidato non avesse vinto.