Blitz quotidiano
powered by aruba

Brexit: petizione online per ripetere il referendum

LONDRA – Un nuovo referendum, con regole diverse. E’ quello che chiede una petizione online dopo la Brexit. Petizione che è molto seguita nel Regno Unito e che ha raggiunto centinaia di migliaia di firme, tanto che ora il Parlamento è obbligato a discuterla. Ne parla La Stampa:

I sostenitori del “Remain” hanno perso il referendum e adesso cominciano le procedure per negoziare l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Ma una nuova petizione online chiede a gran voce di ripetere le consultazione. Una legge prevede che quando almeno 100mila persone firmano una petizione il Parlamento debba prendere in considerazione la proposta. La soglia è stata ampiamente superata nel giro di poche ore. Il traffico online è talmente intenso, che spesso è impossibile accedere al sito web dedicato. Nello specifico, i firmatari chiedono la promulgazione di una nuova legge che prescriva la ripetizione del referendum in caso di un risultato con un margine di vantaggio del “Leave” inferiore al 60% e che abbia come condizione minima l’affluenza alle urne di almeno il 75%.

Secondo David Alan Green, blogger e opinionista del Financial Times e del New Statesman, l’unica possibilità per fermare le procedure di attivazione della clausola dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona (che prevede l’uscita dall’Unione Europea) è la possibilità di fare un nuovo referendum. Una prospettiva che potrebbe diventare realtà entro il 2018, anno in cui la Brexit avrà i suoi effetti. Ma secondo l’Indipendent, il Parlamento e il governo rifiuteranno la proposta. «Ripetere un referendum non è il genere di cose che vengono prese in considerazione», scrivono in un articolo online. Sul sito web è disponibile anche una mappa dei firmatari della petizione. Le zone attorno a Londra sono quelle con la maggior concentrazione di firmatari.


TAG: ,