Blitz quotidiano
powered by aruba

Salerno, 16enne che accoltellò compagno va in carcere

Salerno, il giudice ha deciso di mandare in carcere lo studente che ha accoltellato un compagno dopo una lite

SALERNO – Il gip del Tribunale di Salerno ha disposto la misura cautelare in carcere per lo studente 16enne che lunedì scorso, all’interno dell’Istituto di Istruzione Superiore “Genovesi – da Vinci”, a Salerno, ha accoltellato un 15enne, sembra a seguito di una lite per un ombrello rotto.

Il giovane, che ha ferito tre volte l’altro studente, è stato accusato di tentato omicidio e dopo essere stato in un primo momento condotto in un centro di prima accoglienza a Salerno, sarà rinchiuso nel carcere minorile di Nisida. “Si tratta – spiega l’avvocato Loredana Masuccio, legale del giovane – di una misura eccessivamente afflittiva, che resta la più forte e pesante. Faremo sicuramente ricorso”.

“Il mio assistito – rimarca il legale – è sconvolto. Tutte le volte che l’ho incontrato la prima cosa che faceva era chiedermi aggiornamenti sulla salute del compagno. Solo dopo aveva la forza di informarsi sulla sua famiglia. Il mio assistito, prima dell’aggressione, viveva un clima di pesante esasperazione dovuto a minacce verbali che aveva avuto sia dirette, sia indirette, e che gli erano state fatte pervenire”.

Il ferimento – si apprende dalla Questura di Salerno – è avvenuto al secondo piano dell’istituto scolastico, fuori dell’aula, durante il cambio di professori al termine di un’ora di lezione. La lite è scoppiata fra due compagni di classe. I due – sempre secondo quanto raccolto finora dagli investigatori – avrebbero cominciato a litigare per una questione legata a un ombrello. Sono venuti alle mani e durante la baruffa uno dei due, originario di Pontecagnano Faiano (Salerno), ha estratto un piccolo coltello con il quale ha colpito l’altro studente al collo e all’addome. Il ragazzo è stato soccorso e portato in ospedale con un’ambulanza dell’Humanitas. Alla scena – sempre secondo si è saputo finora – hanno assistito alcuni studenti e insegnanti.


TAG: