Blitz quotidiano
powered by aruba

Thailandia. Referendum, approvata nuova Costituzione della giunta militare

THAILANDIA, BANGKOK – Gli elettori thailandesi hanno approvato la nuova Costituzione promossa dalla giunta militare di Prayuth Chan-ocha, che ha preso il potere con un colpo di stato nel 2014 sopprimendo ogni attività politica.

Lo ha annunciato a Bangkok Somchai Srisutthiyakorn, commissario della Commissione elettorale, a spoglio quasi concluso. Con oltre l’80 per cento delle schede scrutinate, i “sì” sono circa il 62 per cento dei voti.

Le operazioni di voto si sono svolte regolarmente, anche se si sono registrati casi di elettori che hanno strappato la scheda. In particolare, un giovane l’ha fatto gridando slogan contro la “dittatura militare” ed è stato subito arrestato.

La Carta – la ventesima dal 1932 a oggi – è controversa per le sue misure antidemocratiche, tra cui l’istituzione di un Senato interamente nominato dai militari. L’effetto delle varie restrizioni sarebbe quello di porre ostacoli sul cammino di qualsiasi governo uscisse dalle prossime elezioni del 2017, consentendo ai militari di esercitare un’enorme influenza sul nuovo esecutivo.