Cronaca Mondo

Arabia Saudita, chiama la figlia Ivanka in onore a Trump

Arabia Saudita, chiama la figlia Ivanka in onore a Trump

Arabia Saudita, chiama la figlia Ivanka in onore a Trump

RIYAD – Un cittadino saudita, Salem Amer Salem Al-Ayashi Al-Anzi, di Arar, ha chiamato la propria figlia Ivanka, ispirato dalla più famosa Ivanka, figlia del presidente statunitense Donald Trump.

Il nome è stato registrato all’ospedale di bambini di Arar e un certificato di nascita è stato ampiamente diffuso nel Regno saudita attraverso WhatsApp, spiega The Express Tribune.

Al-Anzi ad Arab News ha riferito che i colleghi l’avevano avvertito che non avrebbe potuto chiamare Ivanka la figlia. Ma, ha dichiaro il neo papà, nella cultura araba o saudita, il nome non ha divieti religiosi né morali. Il nome Ivanka è di origine ebraica e ad Al-Anzi è stato spiegato da un collega che significa “Dio è generoso” mentre per un altro, vorrebbe dire “la massima bellezza”.

San raffaele

Al-Anzi, dopo la nascita della piccola, è stato soprannominato Abu-Ivanka (padre di Ivanka). Il giornalista saudita Moteeran Al-Nams, amico di Al-Anzi, ha dichiarato ad Arab News che ha scelto il nome dopo che i suoi amici lo hanno sfidato poiché “nella nostra cultura, di fronte a una sfida non ci tiriamo indietro”.

Parlando al Washington Post, Al-Anzi ha dichiarato di aver ammirato la leadership del padre di Ivanka Trump, che il presidente voleva vendetta per l’uccisione, da parte del governo siriano, di “bambini innocenti” e di essere felice della visita di Trump nel regno saudita.

Al-Anzi ha aggiunto che l’insolito nome dato alla figlia, secondo le regole della società locale, ha fatto sì che gli amici portassero alla figlia moltissimi regali e denaro in dono. La General Administration of Civil Status del regno vieta ai genitori di scegliere nomi blasfemi, quelli che la fatwa ha dichiarato inammissibili e non socialmente validi.

Nel 2014, il Ministero degli Esteri ha vietato 50 nomi dichiarati “inopportuni”: nomi stranieri come Linda e Elaine sono illegali, vietati anche quelli che hanno una connotazione regale come Sumuw, maestà, Malika, regina, e Malek, sovrano.

To Top