Cronaca Mondo

Filippine, polizia nei guai: telecamera riprende uccisione 17enne

Filippine, polizia nei guai: telecamera riprende uccisione 17enne

Filippine, polizia nei guai: telecamera riprende uccisione 17enne

ROMA – Rodrigo Duterte, presidente delle Filippine, prosegue la spietata guerra per eliminare la droga dal Paese ma ora, la polizia è sotto pressione dopo l’omicidio di Kian Loyd Delos Santos, uno studente di 17 anni.

Il ragazzo è una delle 80 persone uccise di recente e le tv hanno tramesso i filmati delle telecamere a circuito chiuso in cui si vede che due uomini trasportano il corpo del giovane sul posto dove poi è stato trovato.

I testimoni affermano che l’adolescente era disarmato e sulla scena del delitto, gli agenti gli hanno dato un’arma, chiesto di sparare e correre.

Il capo della polizia nazionale, Ronald dela Rosa, ha dichiarato che se lo studente non costituiva una minaccia, gli agenti che lo hanno ucciso saranno ritenuti responsabili scrive il Daily Mail.

“Era solo un ragazzino. Indagheremo, è sicuro”, ha detto a GMA TV.

Il capo della polizia Metro di Manila, Oscar Albayalde, ha dichiarato che i tre poliziotti coinvolti sono stati sospesi ed è stata aperta un’inchiesta sull’incidente nel quartiere Caloocan, a nord-ovest della capitale.

A Manila e nelle province vicine, nella guerra di Duterte alla droga, di recente sono state uccise 67 persone e arrestate 200, in quella che la polizia descrive come “One-Time, Big-Time”, iniziativa “una tantum” per mettere un freno alla droga e ai crimini di strada.

Il termine è stato usato dalla polizia per descrivere un’operazione coordinata in distretti privi di criminalità, di solito slums o quartieri a basso reddito, spesso con agenti supplementari.

Il picco degli omicidi ha provocato la condanna del vice presidente Leni Robredo, del partito d’opposizione ma, insieme, anche molti senatori sono preoccupati per l’aumento dei decessi.

Ma l’inflessibile Duterte la pensa diversamente, afferma che è positivo che a Manila siano state uccisi 32 criminali e aggiunto:”Ne uccideremo altri 32 al giorno. Forse possiamo limitare ciò che affligge il Paese”.

To Top