Blitz quotidiano
powered by aruba

Siri chiama i soccorsi: l’assistente iPhone salva una bambina

ROMA – Riesce a chiamare i soccorsi grazie a Siri. E’ successo a una mamma australiana. La donna aveva capito, grazie al baby monitor, che la figlioletta aveva problemi respiratori. Presa dal panico non trovava il cellulare, così si è limitata a chiamare i soccorsi dando un comando vocale che Siri ha prontamente raccolto. Ne parla Il Secolo XIX:

Che riesca a bloccare un proiettile o a chiamare il soccorso alpino, non certo è la prima volta che uno smartphone salva la vita a qualcuno. Stavolta però è toccato a Siri, l’assistente vocale di Apple integrato su iPhone e iPad (e presto anche su Mac), che in Australia ha salvato la vita a una bambina di appena un anno. Tutto è successo in poche frazioni di secondo: avvisata dal baby monitor, durante la notte la mamma si è resa conto che la bambina aveva smesso di respirare. Presa dal panico, non riusciva a trovare il cellulare, ma è riuscita comunque a chiamare un’ambulanza utilizzando l’attivazione vocale e chiedendo a Siri di avvisare i soccorsi. Dopo pochi minuti l’ambulanza è arrivata e la piccola ha ripreso a respirare senza problemi, forse anche grazie ai secondi preziosi guadagnati grazie all’aiuto dello smartphone. Attenzione però: l’attivazione vocale funziona solamente sugli ultimi iPhone 6S e 6S Plus, iPhone SE e iPad Pro da 9,7 pollici: su tutti gli altri dispositivi, dove Siri può comunque essere attivata tenendo premuto il tasto centrale, iOS richiede invece il collegamento a una presa di corrente.