Blitz quotidiano
powered by aruba

Tensione Cina-Usa, missili cinesi pronti su atolli Pacifico

ROMA – La tensione tra Cina e Stati Uniti si fa sempre più alta. Immagini satellitari statunitensi hanno mostrato un importante dispiegamento di forze da parte della Cina. In particolare, segnala l’Internazionale, ha colpito il piazzamento di missili antiaereo HQ-9 Hongqi su una spiaggia nell’atollo di Woody, nelle Isole Parcels. Questo arcipelago era già stato soggetto di attenzioni poche settimane fa al causa del transito, riscontrato dalle forze militari cinesi, di una nave da guerra degli Stati Uniti d’America.

Il piazzamento di questi missili, sempre secondo il quotidiano, potrebbe essere solo la prima mossa del governo cinese: nel caso navi a stelle e strisce non dovessero lasciare le zone il clima potrebbe surriscaldarsi ulteriormente portando all’installazione di missili antinave e successivamente ad una irreversibile crisi.

Difficile valutare le reazioni statunitensi: lasciare che la Cina si prenda il Pacifico senza combattere o provare ad arginare l’aggressività nell’area per preservare lo l’ordine del pacifico. Un equilibrio delicato che potrebbe avere conseguenze importanti anche sulla Borsa.

Forse anche per questi motivi Obama nei giorni scorsi ha annunciato la visita a maggio in Vietnam. Prima di lasciare la presidenza vuole puntellare la propria strategia asiatica, la vera e propria firma sulla politica estera americana durante il suo mandato. Per quanto riguarda il dispiegamento dei missili da parte cinese, secondo gli esperti americani, l’immagine visualizzata sembra mostrare il sistema di difesa aerea HQ-9, che ha una gittata di 200 km e costituirebbe una minaccia per tutti gli aerei, civili o militari, che volano nelle vicinanze.