Economia

Rottamazione cartelle bis nel decreto fiscale: vale per i ruoli fino a settembre 2017

rottamazione-cartelle-bis

Rottamazione cartelle bis nel decreto fiscale: vale per i ruoli fino a settembre 2017

ROMA – Rottamazione cartelle bis nel decreto fiscale: vale per i ruoli fino a settembre 2017. Arriva la prima tranche della manovra 2018. Come l’anno scorso, la legge di bilancio sarà accompagnata da un decreto, con norme soprattutto di carattere fiscale, che garantirà parte delle coperture. Il governo lo approverà domani, con qualche giorno di anticipo rispetto alla legge attesa per lunedì, riaprendo innanzitutto i termini per la rottamazione delle cartelle e delle liti con il fisco.

La definizione agevolata (il termine tecnico della cosiddetta rottamazione) dovrebbe rivolgersi ad un’ampia platea di contribuenti, in modo da assicurare, secondo i calcoli circolati fino ad oggi, circa 1,5 miliardi di euro. L’ipotesi è quella di recuperare gettito da un lato da tutti coloro che sono rimasti esclusi dalla prima edizione (chi per esempio ha commesso errori formali nella presentazione o compilazione dell’istanza di adesione o chi ha saltato uno degli appuntamenti con il fisco) e dall’altro da chi ha invece ricevuto una cartella proprio nel 2017.

Il governo avrebbe fissato il limite ai ruoli dei primi 9 mesi dell’anno, con la possibilità di pagare in 5 rate di uguale ammontare fino a febbraio 2019. La riapertura della sanatoria delle liti pendenti potrebbe invece valere circa 250 milioni. La prima edizione, prevista dalla manovra correttiva di aprile, si è chiusa il 2 ottobre.

Ricapitolando: con la rottamazione bis in procinto di essere inserita in un decreto legato alla manovra di bilancio, i ruoli per cui sarà possibile aderire alla definizione agevolata sarebbero estesi fino al 30 settembre del 2017. La chance della riapertura dei termini dovrebbe comprendere anche chi non ha pagato o ha versato in ritardo anche una sola delle rate con cui ha concordato la dilazione, il piano di rientro dei debiti fiscali.

To Top