Blitz quotidiano
powered by aruba

Volkswagen: ai clienti Usa cash, in Europa tubi di plastica

ROMA – Volkswagen: ai clienti Usa cash, in Europa tubi di plastica. I proprietari Usa di auto Volkswagen riceveranno circa 20mila dollari ognuno come compensazione per lo scandalo delle emissioni diesel truccate. Quelli europei al massimo un software aggiornato e un tubo di plastica, un trasformatore di flussi per ridurre le emissioni senza pregiudicare più di tanto prestazioni e risparmio di carburante.

L’articolo di Jack Ewing sul New York Times spiega bene l’impasse europeo nei confronti di Volkswagen: qui la pratica della class action, sola che può garantire i consumatori contro i giganti dell’industria, non prevista, ognuno va per conto suo, un po’ come gli stati membri dell’Unione.

A livello comunitario siamo ancora fermi alla multa da 5 milioni inflitta alla Volkswagen per – in sostanza – aver mentito pubblicizzando la correttezza ambientale di un prodotto rivelatosi inquinante. Bazzecole rispetto ai 15 miliardi di dollari dell’accordo americano.

La speranza, illustrata nell’articolo, può venire dalla rete dove i proprietari possono fare massa critica aderendo alle iniziative di start-up di assistenza legale online. Avvocati a Berlino, Parigi e ovunque in Europa stanno facendo squadra attraverso inediti servizi online per attirare il maggior numero di clienti e aggirare le convenzioonali restrizioni europee ai diritti dei consumatori. Se l’impresa riesce, altro che 15 miliardi di dollari, anche considerando una quota massimale per ognuno di 5mila euro.