foto notizie

Charlie Hebdo, la vignetta bufala: “Immigrati terremotati da Italia portano mafia”

  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"01
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"02
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"03
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"04
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"05
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"01
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"02
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"03
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"04
  • Charlie Hebdo, la vignetta bufala: "Immigrati terremotati da Italia portano mafia"05

PESCARA –  “Non fate entrare immigrati terremotati dall’Italia, portano mafia“. Dopo le polemiche sull’ennesima vignetta sacrilega di Charlie Hebdo dedicata alla tragedia del Rigopiano, un’altro disegno scatena le ire sul web. Ma in realtà è una bufala.

Nell’illustrazione che la finta intestazione attribuisce al settimanale satirico francese, si vede una famiglia italiana, vestita di cenci, che cerca rifugio in Francia dopo il sisma. Ma alla frontiera vengono bloccati al pari degli extracomunitari perché “portano la mafia“.

In realtà ad uno sguardo più attento è proprio la firma a scagionare i tanto odiati vignettisti francesi. In basso a sinistra la vignetta è firmata da Hermes Maiolique, che altri non è se non Ermes Maiolica, noto fabbricatore di bufale. L’altra firma è del fumettista Giuseppe La Micela.

Chi di sarcasmo ferisce, di sarcasmo perisce. Il riferimento è all’ultima vignetta pubblicata da Charlie Hebdo, in cui era raffigurata la morte in picchiata sugli sci che cavalca una valanga. La scritta choc recita: “La neve è arrivata, ma non per tutti…”.

Il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, ha già fatto sapere di aver sporto querela nei confronti della rivista. Quanto deciso, è in linea con la decisione dei mesi scorsi presa a seguito della tragedia di Amatrice, quando il periodico francese si rese autore, anche in quella occasione, di una vignetta offensiva, pertanto è stato convenuto di procedere alla querela nelle stesse modalità decise allora dal sindaco Sergio Pirozzi, per intraprendere un percorso che vede unite le due comunità in un momento di difficoltà, cordoglio e speranza.

 

To Top