foto notizie

Londra: questo è il volto di Khalid Masood, l’attentatore di Westminster bridge FOTO

Aftermath of terror attack outside parliament in London, image of attacker Khalid Masood released
  • Attentato Londra, Scotland Yard diffonde FOTO di Khalid Masood
  • Aftermath of terror attack outside parliament in London, image of attacker Khalid Masood released
  • Attentato Londra, Scotland Yard diffonde FOTO di Khalid Masood
  • Aftermath of terror attack outside parliament in London, image of attacker Khalid Masood released

LONDRA – Scotland Yard ha diffuso una fotografia di Khalid Masood, il 52enne attentatore di Londra.

L’uomo, di carnagione scura, è calvo e con la barba, come era apparso nelle immagini riprese durante i concitati secondi dell’attacco a Westminster quando alcuni agenti armati lo avevano ferito a morte dopo la sua aggressione all’agente Keith Palmer, deceduto poco dopo. L’immagine è molto probabilmente ricavata dalla fototessera di qualche documento di Masood. La foto è stata rilanciata dall’agenzia Ansa.

Un’ultima notte trascorsa nella stanza di un alberghetto di Brighton, sul mare, e una frase da vecchio benpensante: “Londra? Non è più quella di una volta”. Si sarebbe ‘mascherato’ così Khalid Masood, alla vigilia del sanguinoso attacco al cuore di Londra, di fronte a Westminster, almeno a dar retta al Sun, tabloid del gruppo Murdoch. Il giornale, come altri media, scrive che Masood avrebbe trascorso le ore precedenti all’attacco in un hotel senza pretese nella cittadina balneare a sud di Londra, il Preston Park, pagando 59 sterline per la stanza numero 228, e consumando per cena un kebab take-away.

Alcuni dipendenti dicono di averlo riconosciuto e di aver notato pure il suv di marca Hyundai destinato a ricomparire il giorno dopo sul Westminster Bridge. La polizia risulta essere in effetti arrivata al Preston Park hotel già mercoledì sera, per raccogliere testimonianze e tracce di Dna. Poche, a quanto pare, le frasi scambiate da Khalid con lo staff. Prima la lamentela sulla capitale, poi l’annuncio finale di mattina alla reception: “Oggi parto per Londra”.

To Top