Blitz quotidiano
powered by aruba

Attentato Nizza, Giorgia Meloni: “Ora aggravante terrorismo islamico”

ROMA – Un’aggravante, nel nostro codice penale, di “terrorismo islamico”. Secondo Gi Meloni è quello di cui c’è bisogno dopo gli attentati di Nizza e, a ritroso, di Dacca, Parigi, Bruxelles…Ecco come la leader di Fratelli d’Italia motiva la sua proposta su Facebook:

Il massacro di Dacca, costato la vita a 10 italiani, ha sfatato i miti del buonismo di sinistra e la politica del governo Renzi per i quali la ricetta contro il terrorismo è “più cultura, più soldi ai disadattati, più soldi ai mussulmani e poi abbracciamoci forte e vogliamoci bene sulle note di Imagine di John Lennon”.

Bisogna essere chiari: i terroristi non sono poveri e incolti; il terrorismo non dipende dalle politiche occidentali, perché in Bangladesh grandi responsabilità occidentali non ci sono; queste stragi non sono casi isolati messi in atto da un matto ma dietro ci sono organizzazioni, cattivi maestri e finanziatori. E con buona pace di chi ancora sostiene che “la religione non c’entra” il filo conduttore è l’integralismo islamico.

Fratelli d’Italia avvia oggi la campagna “Disinnesca l’odio”: vogliamo punire in Italia chi propaganda il terrorismo, chi finanzia il terrorismo e chi vuole mettere a repentaglio la sicurezza dei cittadini italiani. Lo facciamo con una proposta di legge che chiede l’introduzione nel nostro codice penale del reato di integralismo islamico, e una petizione popolare che porteremo in tutta Italia e che può essere sottoscritta anche online sul sito www.fratelli-italia.it per sostenere questa proposta e chiedere alla Presidente della Camera Boldrini di calendarizzarla e approvarla nel minor tempo possibile.