Inter

Inter, linea dura: da giovedì in ritiro per preparare il derby

Inter, linea dura: da giovedì in ritiro per preparare il derby

Inter, linea dura: da giovedì in ritiro per preparare il derby

MILANO – Anticipato a giovedì il ritiro pre-derby dell’Inter. I dirigenti nerazzurri e l’allenatore Stefano Pioli, hanno deciso che la squadra resterà ad Appiano Gentile fin da giovedì pomeriggio. Inizialmente il ritiro era previsto nella giornata di venerdì ma dopo la sconfitta inaspettata contro il Crotone, il club ha optato per la linea dura, anticipando il ritiro e cancellando la giornata di riposo di oggi.

“Abbiamo il dovere di generalizzare insieme all’allenatore, allo staff e ai calciatori, che devono sicuramente assumersi una grande responsabilità per questa prestazione, quali siano le motivazioni che hanno portato a una gara di questo tipo. Io le ho trovate semplicemente nell’atteggiamento, nella presunzione e nell’arroganza. Oggi in Serie A non puoi pensare di giocare una partita a qualsiasi livello senza correre uno per l’altro, senza essere concentrato, determinato e attento”. Erano le dure parole di Piero Ausilio, ds nerazzurro, nel commentare il ko dell’Inter a Crotone.

“Se parti con 20′ come siamo partiti noi, sei sotto 2-0, poi diventa difficile recuperare su qualsiasi campo – sottolinea a Sky il ds nerazzurro -. Le strategie, poi, sono una cosa diversa e quelle non si spostano di un millimetro. Noi siamo con Pioli e stiamo lavorando e programmando con Pioli. Questa settimana è stata molto difficile perché abbiamo perso due partite giocando male, soprattutto oggi e nel secondo tempo di Inter-Sampdoria. Ma sono cinque mesi e mezzo in cui ho visto anche un’Inter che ha costruito, ho sentito parlare di un’Inter con un futuro, che stava mettendo delle basi importanti anche attraverso il lavoro di questi mesi di Pioli. Adesso non si può buttar via tutto per una settimana che sì, ha fatto arrabbiare tutti noi, ma è una settimana e dobbiamo ripartire da subito visto che abbiamo una grande partita a disposizione per dimostrare che siamo quelli di questi 5 mesi e non dell’ultima settimana”.

San raffaele

“La qualità dei miei giocatori non la cambio oggi con tante altre squadre – conclude Ausilio -. Però questa fragilità mentale che abbiamo per cui, vicini a un traguardo, ci manca sempre qualcosa, vuol dire che è soprattutto nella testa. C’è probabilmente una squadra che deve crescere da quel punto di vista. Adesso ho la testa su Inter-Milan, dobbiamo essere bravi a far arrivare i nostri calciatori a questa partita, assolutamente importante e forse quella che ci può servire per dare una svolta”.

 

To Top