Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, Totti-Spalletti: storia di battute mal riuscite

ROMA – Roma, Totti-Spalletti: storia di battute mal riuscite. Francesco Totti – Luciano Spalletti, un rapporto a nervi tesi che è peggiorato con il passare dei mesi, poco dopo il ritorno sulla panchina giallorossa del tecnico di Certaldo al posto dell’esonerato Rudi Garcia.

Luciano Spalletti è l’allenatore della Roma e ha tutto il diritto di far giocare o meno Francesco Totti, quello che ha deteriorato il rapporto con il numero 10 dei giallorossi sono state una serie battute mal riuscite raccolte da Il Messaggero in un articolo a firma di Stefano Carina.

c’è stata sempre la frase in più, la battuta mal riuscita che ha trasformato una decisione (lecita) di un allenatore in uno stillicidio continuo. Il primo affondo arriva alla vigilia della gara col Frosinone, legato ad una risposta a Zeman sull’impiego di Totti: «Io gestisco la Roma e devo stare attento ai risultati della squadra».

Francesco gioca, regala l’assist del 3-1 a Pjanic e a fine gara riceve i complimenti del tecnico: «Veniva da un lungo infortunio, bisogna considerare vari fattori ma è andato bene».

A tal punto che sparisce di nuovo. Panchina con Sassuolo e Sampdoria, poi nuovo stop per un problema al gluteo, prima di riaffacciarsi in Champions col Real. Alla vigilia, alla domanda sul possibile impiego del capitano, la risposta è secca: «Dipenderà dalla partita. Qui bisogna vincere, serve corsa, sacrificio verso il compagno».

Totti racimola 3 minuti sullo 0-2 e uscendo dallo stadio, liquida un cronista spagnolo così: «Vuoi parlare con me? E che ci fai?». Quando gli viene riferita la scena, Lucio replica: «Io devo allenare la squadra, non i singoli, bisogna vincere le partite e ci vuole forza, corsa, disponibilità a sacrificarsi. L’esperienza non basta».

Si arriva alla vigilia del match col Palermo. Mentre Spalletti annuncia l’impiego del capitano (pur sottolineando che «la sua qualità va messa a disposizione del gruppo, perché lui ha bisogno del gruppo, non deve isolarsi»), Totti rilascia l’intervista al Tg1 che gli varrà prima l’esclusione dalla lista dei convocati e poi il ritorno a casa.

Nel post-gara, l’allenatore torna sulla questione: «Io valuto l’evidenza dei fatti. A me dispiace, non voglio litigare con nessuno. Vuole fare il Giggs? Allora si mette vicino a me. Vuole fare Nedved? Fa Nedved. Vuole fare il calciatore? Fa il calciatore ma io non regalo niente a nessuno».

Il sabato seguente, decide di mostrare un video di Salah dove l’egiziano compie un ripiegamento difensivo di 60 metri. L’allusione appare chiara ma viene rimandata al mittente. Nuova panchina a Empoli, poi 14 minuti con la Fiorentina.

L’ovazione ricevuta a Madrid, regala una tregua che termina alla vigilia del derby dove per replicare ad un sondaggio di Sky, scivola ancora: «Anch’io voterei per Francesco in campo ma si potrebbe proporre anche un sondaggio diverso, fare commentare l’Europeo a Pizzul o Caressa?». Tradotto: Totti come un telecronista pensionato, metafora chiarissima. E ancora: «Nella passata stagione ha fatto una doppietta? E chi ci dice che nel primo tempo la Roma non andò sotto di due gol perché non aveva l’apporto di un calciatore nel coprire gli spazi»? Il resto è storia (triste) delle ultime ore.

Immagine 1 di 22
  • Roma, Totti-Spalletti: storia di battute mal riuscite
  • Spalletti, tutte le liti: Panucci, Zenit, Totti...
  • Roma: Totti-Spalletti, pace, cena insieme e Tapiro d'Oro
  • Marco Borreillo of Bc Atalanta scores during Serie A soccer match Bc Atalanta vs As Roma in Bergamo, Italy, 17 April 2016. ANSA/PAOLO MAGNI
  • Luciano Spalletti ANSA/PAOLO MAGNI
  • Luciano Spalletti ANSA/PAOLO MAGNI
  • Marco Borriello segna il 3-2 ANSA/PAOLO MAGNI
  • Francesco Totti segna il 3-3 ANSA/PAOLO MAGNI
  • Francesco Totti segna il 3-3 ANSA/PAOLO MAGNI
  • Totti e Spalletti, sorrisi in allenamento dopo lite Bergamo (foto da video Roma Tv)
  • Francesco Totti e Luciano Spalletti ANSA/ALESSANDRO DI MEO
Immagine 1 di 22