Blitz quotidiano
powered by aruba

Piramide nascosta sotto montagna in Messico: 500 metri per 60, il doppio di quella di Cheope

CITTA’ DEL MESSICO – Una piramide in Messico ha spodestato la piramide di Cheope, in Egitto, da “più grande al mondo”. Un titolo che la struttura sepolta sotto una montagna a Cholula ha una base di 500 metri e si erge per 60 metri di altezza. La piramide di Cholula è quasi il doppio di quella di Cheope, che ha una base di “appena” 230 per 139 metri.

Noemi Penna su La Stampa spiega che nella lingua del luogo la piramide prende il nome di Tlahchiualtepetl, letteralmente la montagna fatta dall’uomo, ed è la più grande al mondo con un volume da 4,5 milioni di metri cubi, contro i 2,6 milioni di metri cubi della struttura nella piana di Giza. La costruzione però presenta delle particolarità: è costituita infatti da quattro costruzioni sovrapposte, di cui al momento solo una è stata riportata alla luce, mentre la restante ancora riposa sotto una verde collina in quella che è stata la capitale dei Mitxtechi, una antica civiltà precolombiana:

 

“Originariamente, come molte piramidi dell’area messicana, la costruzione era composta da 365 gradini, uno per ogni giorno dell’anno solare. E sulla sua sommità c’era un tempio pagano, poi trasformato nel 1594 in una chiesa cattolica dedicata a Nuestra Señora de los Remedios, Nostra Signora dei Rimedi.

Secondo la leggenda, la sua costruzione si deve a un gigante di nome Xelhua, che la volle con sei strutture sovrapposte, una per ogni gruppo etnico che ha regnato nella regione messicana. Le ricerche archeologiche testimoniano che venne costruita attorno al 300 a.C e tradizionalmente doveva essere un tributo per dio Quetzalcoatl, il serpente piumato, fra le divinità più importanti per molte civiltà centro-americane”.


PER SAPERNE DI PIU'