Alcamo (Trapani): pensionato ucciso durante un giochino erotico?

Pubblicato il 21 Febbraio 2012 19:04 | Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio 2012 19:07

PALERMO – A trovarlo nudo, con una sciarpa rossa stretta attorno al collo e un cavo elettrico avvolto lungo il busto, e' stato il fratello. Sotto choc ha chiamato la polizia e il 118, ma per Giuseppe Bongiorno, 73 anni, dipendente dell'Asl ad Alcamo in pensione, non c'era piu' nulla da fare.

Secondo il medico legale sarebbe morto ieri. Le gambe piegate e la posizione del corpo, privo di indumenti, fanno pensare che il decesso sia avvenuto durante una pratica erotica. Una morte per soffocamento, forse. Anche se a complicare la vicenda c'e' il sangue trovato accanto al cadavere: un'emorragia dovuta all'ipossia o la conseguenza di un pestaggio che, comunque, non dovrebbe essere stato tale da uccidere?

L'abitazione della vittima, un appartamento su tre piani di Castellammare del Golfo, e' stata messa a soqquadro: cosa che potrebbe far pensare a una rapina. Una scena del delitto molto complessa, dunque, che spinge gli inquirenti, coordinati dal procuratore di Trapani Marcello Viola, a fare due ipotesi entrambe collegate al mondo dell'omosessualita': il pensionato potrebbe essere morto accidentalmente, strozzato dalla sciarpa avvolta attorno alla gola, mentre faceva sesso con qualcuno che avrebbe poi rovistato nell'abitazione per portare via oggetti di valore e denaro. I parenti dell'uomo non hanno ancora accertato se in casa manchi qualcosa.

L'altra pista e' che Bongiorno sia stato strozzato durante il sesso da chi era gia' andato nell'appartamento con l'intenzione di fare una rapina. L'assassino, dunque, avrebbe coinvolto Bonsignore in una pratica erotica di bondage, poi l'avrebbe ucciso.

Il fratello della vittima, pero', nega che il pensionato avesse frequentazioni omosessuali e sostiene, smentendo la versione dei vicini, che i ragazzi stranierei che frequentavano la casa erano braccianti che venivano impiegati da Bongiorno nel piccolo podere di famiglia e che andavano a riscuotere la paga. A far dubitare che il decesso sia stato accidentale ci sono, appunto, il sangue e le vistose tumefazioni trovate sul volto del morto trovato a terra, accanto al letto. Domani il magistrato affidera' l'incarico al medico legale che dovra' eseguire l'autopsia: unico esame in grado di chiarire le cause del decesso.

E un contribuito all'indagine potrebbe arrivare anche dalle immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso di un negozio vicino all'abitazione del pensionato. La polizia, che da questa mattina, sta sentendo familiari e vicini, le analizzera' nelle prossime ore: nel video potrebbe essere stato filmato l'assassino o comunque l'ultima persona che ha visto vivo Bongiorno.