Baby gang a Napoli, cittadino lancia tegole per fermare rapina

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 marzo 2018 21:14 | Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2018 21:15
Tegole lanciate a Napoli contro baby gang

Le tegole a terra in una foto pubblicata da Fabrizio Caliendo

NAPOLI – ‘Guerriglia’ con lancio di tegole e bottiglie nel centro storico di Napoli tra una baby gang ed un residente esasperato.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

L’episodio, denunciato su Fb da Fabrizio Caliendo, imprenditore e fondatore di una catena di ristoranti, è accaduto la notte tra venerdì 16 marzo e sabato 17.

Caliendo racconta che di fronte “all’ennesima rapina da parte di una gang (sono stanco di chiamarla baby-gang perché l’età media dei criminali è quella) contro un ragazzo, in vicoletto II San Giovanni Maggiore, un residente è intervenuto lanciando tegole dalla basilica di San Giovanni maggiore” per fermare il pestaggio.

“Ci riesce e i furfanti mollano la presa, ma cominciano a lanciare bottiglie di vetro contro il residente – scrive – Altre persone, ignare dell’accaduto, ma vittime innocenti del lancio di tegole, cominciano a rispondere al lancio e inizia una guerriglia tegole/bottiglie di vetro che dura per alcuni minuti. Riesco a fermare la guerriglia parlando con il residente, calmandolo e ascoltando le sue ragioni. Appaiono alle finestre altri residenti, tutti esasperati”, conclude Caliendo.