Bollette dell’acqua 2011: via ai rimborsi, ok dell’Autorità per l’Energia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Febbraio 2013 18:47 | Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio 2013 18:48
Bollette dell'acqua 2011: via ai rimborsi, ok dell'Autorità per l'Energia

Bollette dell’acqua 2011: via ai rimborsi, ok dell’Autorità per l’Energia (LaPresse)

ROMA – Vi verrà restituito tutto quello che avete pagato in più nelle bollette dell’acqua nel secondo semestre 2011: così parlò l’Autorità per l’energia. Al via il procedimento per restituire gli importi indebitamente versati, dal 21 luglio al 31 dicembre 2011, nelle bollette dell’acqua, dopo il referendum del giugno dello stesso anno: lo fa sapere l’Autorità, all’indomani del parere richiesto al Consiglio di Stato, che ha giudicato con una sentenza ”non coerenti” i criteri di calcolo delle bollette.

L’Autorità per l’energia ha approvato ”uno specifico provvedimento per la definizione dei criteri di calcolo degli importi da restituire agli utenti finali, corrispondenti alla remunerazione del capitale investito e versati nelle bollette dell’acqua nel periodo post referendum, dal 21 luglio al 31 dicembre 2011”.

Infatti, nelle consultazioni pubbliche svolte nel corso del 2012, erano emerse posizioni divergenti sulla titolarità dell’Autorità a intervenire in periodi precedenti all’attribuzione delle funzioni di regolazione dei servizi idrici avvenuta con il Decreto legge “Salva-Italia” nel dicembre 2011.

Per individuare la quota parte della tariffa da restituire agli utenti finali con riferimento al periodo compreso fra il 21 luglio e il 31 dicembre 2011, viene inoltre affermato, l’Autorità ”intende seguire i criteri già utilizzati per la definizione del cosiddetto Metodo tariffario transitorio che copre il biennio 2012-2013, all’interno del quale già si sono considerati gli effetti del referendum abrogativo. Tali criteri sono anche confermati nel parere 267/13 del Consiglio di Stato quando si afferma che anche nell’ambito dell’intervento di restituzione debba comunque essere assicurato il rispetto del principio del full cost recovery”.