Bruno Contrada deve essere risarcito con 670mila euro per gli otto anni di ingiusta detenzione

di Warsamé Dini Casali
Pubblicato il 7 Aprile 2020 12:05 | Ultimo aggiornamento: 7 Aprile 2020 12:05
Bruno Contrada deve essere risarcito con 670mila euro per gli otto anni di ingiusta detenzione

Bruno Contrada (Ansa)

ROMA – La Corte d’Appello di Palermo ha accolto la richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione presentata da Bruno Contrada, ex numero due del Sisde, condannato a 10 anni per concorso esterno in associazione mafiosa.

A Contrada, difeso dall’avvocato Stefano Giordano, sono stati liquidati 670mila euro. La condanna dell’ex poliziotto venne giudicata illegittima dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e dalla Cassazione.

“I danni che io, la mia famiglia, la mia storia personale, abbiamo subito sono irreparabili e non c’è risarcimento che valga. Io campo con 10 euro al giorno. Stare chiuso per il coronavirus non mi pesa: sono stato recluso 8 anni”, dichiarato l’ex dirigente generale della polizia di Stato. (fonte Ansa)